Pescate, spunta la scritta "Fascista" contro il sindaco: "Sono molto amato"

"Evidentemente è rivolta a me - dice il primo cittadino - immagino per le mie prese di posizione riguardo ai migranti".

"Questa e' un po' più difficile da cancellare rispetto alle altre....sono molto amato", commenta così su facebook il sindaco di Pescate, Dante De Capitani, la scritta "Fascista" apparsa questa notte sui muri del Comune. "Evidentemente è rivolta a me - dice - immagino per le mie prese di posizione riguardo ai migranti".

"Chiunque sia stato - aggiunge - non ha alcun rispetto nemmeno per il bene pubblico. Questa è la casa dei pescatesi". Il muro, tra l'altro, era stato ritinteggiato neanche 5 anni fa e adesso "ci vovrrà qualche giorno prima che la scritta venga cancellata", sottolinea il primo cittadino. Tanti i commenti dei pescatesi sulla foto postata dal sindaco su Facebook. "Spettacolo! Per me è un complimento", scrive Joanna. "Se lo scrivessero sul muro di casa mia non lo cancellerei..." gli fa eco Ivan. Tanti anche i cittadini che sperano venga "beccato" il colpevole.

Ma la battaglia ai writers va avanti già da un anno nei paesi della provincia. "Vengono presi di mira i piloni del ponte - spiega De Capitani -, oppure la zona del parco. Andremo fino in fondo e vedremo quale delle nove telecamere ha inquadrato il responsabile di questo gesto". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: 89 casi in Lombardia. Domenica si ferma tutto lo sport anche a Lecco

  • Coronavirus: scuole chiuse nel Lecchese, supermercati presi d'assalto. Al "Manzoni" il contagiato valtellinese

  • In arrivo ordinanza della Regione per chiudere le scuole in Lombardia

  • Coronavirus, nuovo bollettino: quattordici contagiati, MilanoToday intervista il paziente "zero"

  • Nuova interdittiva antimafia del Prefetto: colpiti "Lungolago" e "Tabula Rosa"

  • Classe prima a rischio, prof e genitori in assemblea: «Salvate il Liceo Scientifico di Calolzio»

Torna su
LeccoToday è in caricamento