menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'aggressione all'uscita di piazza della stazione (repertorio)

L'aggressione all'uscita di piazza della stazione (repertorio)

Aggredisce e rapina due giovani in stazione: arrestato ed espulso

Il malvivente si è scagliato contro le due ragazze di ritorno da Milano, per rubare il cellulare alla maggiore

Sono scese dal treno e si sono incamminate verso l'uscita della stazione, quando un uomo si è avventato loro addosso per rubare il cellulare di una delle due.

Brutta disavventura per due giovani, aggredite e rapinate alla stazione di Lecco nella notte fra mercoledì 24 e ieri 25 febbraio. L'allarme è scattato intorno all'una di giovedì, quando le due ragazze sono scese dal treno arrivato da Milano, e si sono incamminate verso l'uscita della stazione.

All'atezza di piazza Diaz hanno notato un'individuo che le stava seguendo: quest'ultimo, improvvisamente, si è scagliato contro la più grande delle due, una 24enne di origine boliviana, spingendola contro un’auto e cercando di rubarle il telefono cellulare ma la ragazza, prontamente, ha passato l’oggetto all’amica, una 17enne italiana, riuscendo a liberarsi. 

Il ladro, allora, si è avventato sulla minore facendola cadere a terra, strappandole il telefono di mano e fuggendo via. Le due giovani, spaventate, hanno chiesto aiuto a una pattuglia della Polfer in servizio nello scalo ferroviario e i due agenti si sono messi subito alla ricerca del malvivente assieme alle due ragazze. 

Lo hanno trovato e riconosciuto nel sottopasso della stazione: alla vista dei poliziotti, il rapinatore ha provato a scappare, ma dopo circa duecento metri gli agenti sono riusciti a farmarlo. Il malvivente è stato quindi arrestato e identificato: i tratta di un 23enne originario del Marocco, irregolare in Italia e senza fissa dimora, con precedenti specifici e destinatario di un ordine di espulsione a firma del Questore di Bergamo, datato 15 febbraio 2016. 

Ieri mattina, processato con rito direttissimo, lo straniero è stato condannato alle pena di un anno e sei mesi di reclusione. Stante la posizione irregolare, nei suoi confroni è stato adottato il provvedimento di espulsione dal territorio nazionale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Le cinque camminate per boschi e monti più belle nel Lecchese

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento