Martedì, 18 Maggio 2021
Cronaca

Romeno con il vizio delle slot machine aggredisce Carabinieri a Robbiate

Resistenza a pubblico ufficiale, lesioni e rifiuto d'indicazione della propria identità: queste le accuse per un 41enne che non voleva smettere di giocare

repertorio

Resistenza a pubblico ufficiale, lesioni e rifiuto d'indicazione della propria identità: sono queste le accuse per un cittadino romeno di 41 anni con dipendenza dal gioco d'azzardo che ha aggredito con violenza i Carabinieri di Robbiate, chiamati in causa per portarlo fuori dal bar dove pretendeva di continuare a giocare dopo l'orario di chiusura.

F.D., ludopata, cliente abituale delle macchinette al bar, ha perso il controllo. Non a causa di una rissa e neppure per una grossa perdita. Quando è arrivata l’ora della chiusura, l'esercente ha intimato più volte l'uomo a riprovare con la fortuna la mattina seguente. A questo invito, F.D. si è oppposto con forza.

La pattuglia dei Carabinieri è intervenuta a seguito della chiamata dei proprietari, cercando di allontanare il cliente. Una volta arrivati  militari però, l'uomo si è ulteriormente incattivito opponendo resistenza ai pubblici ufficiali.

La poco fortunata nottata è così finita in manette per F.D. che ieri si è presentato dinanzi al Tribunale di Lecco per il rito direttissimo. Il 41enne romeno si è dichiarato colpevole davanti al giudice e ha patteggiato, ricevendo una condanna a 8 mesi e 10 giorni di reclusione, pena sospesa.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Romeno con il vizio delle slot machine aggredisce Carabinieri a Robbiate

LeccoToday è in caricamento