rotate-mobile
Cronaca Galbiate / Via Monte Oliveto, 4

Sala al Barro, il giudice sentenzia: decidono i vicini se si gioca al centro sportivo

Il giudice Mirko Lombardi da' ragione alle famiglie Recalcati, che da anni continuano la loro lotta al rumore

E' una decisione che farà sicuramente discutere quella presa dal giudice di pace Mirko Lombardi in merito alla querelle tra il GS Sala al Barro e le famiglie Recalcati; al centro della questione c'è il centro sportivo di via Monte Oliveto o, per meglio dire, il rumore che viene prodotto durante l'attività settimanale. E ora, come riporta "La Provincia di Lecco"il futuro è tutt'altro che definito: il "giro di vite", impone nuovi limiti di orario per l'apertura della cucina durante la settimana e per la disputa delle gare di campionato nel fine settimana; la domenica mattina, infatti, non si potrà giocare prima e dopo la fascia compresa tra le 10 e le 13.30, salvo consenso scritto delle famiglie sopracitate.

I rilevamenti effettuati hanno messo il giudice nelle condizioni di limitare l'attività dell'impianto a fini esclusivamente sportivi, peraltro, in estate, nella sola fascia 14-20.30 (bar incluso, ndr); ad agosto la chiusura sarà forzata e totale. Venerdì il Gruppo Sportivo si riunirà e trarrà le sue conclusioni: come annunciato mesi fa dal presidente Negri, è tutt'altro che da escludere la cessazione dell'attività sportiva.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sala al Barro, il giudice sentenzia: decidono i vicini se si gioca al centro sportivo

LeccoToday è in caricamento