Spacciatori pizzicati nel bosco con droga e una pistola rubata: arrestati, rischiano l'espulsione

I due vivevano nella zona boschiva che si perde attorno alla frazione derviese di Chiari

La merce sequestrata dai militari di Lecco

Prosegue l’attività di contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti da parte dei Reparti del Comando Provinciale Carabinieri di Lecco, con mirati servizi di osservazione e controllo delle aree ritenute di maggiore interesse, con particolare riferimento alle aree boschive. Durante queste operazioni la Compagnia Carabinieri di Lecco, nel pomeriggio di mercoledì 29 gennaio, ha svolto un servizio straordinario di controllo del territorio dell'area boschiva che si trova in località Chiari, a ridosso della Strada Provinciale 72 del comune di Dervio.

Spacciatori pizzicati con una pistola rubata: arrestati, rischiano l'espulsione

Il servizio, che ha visto l’impiego di una quarantina di Carabinieri, di due unità cinofile del Nucleo Carabinieri di Casatenovo e il supporto aereo fornito dal 2° Nucleo Elicotteri Carabinieri di Orio Al Serio (Bergamo), ha consentito l’individuazione di un fabbricato rurale in apparente stato di abbandono che, immediatamente sottoposto a perquisizione, ha permesso di rintracciare ed arrestare Khalid El bouuzaydy, marocchino classe 1989, e Marsel Kerri, albanese classe 1987, entrambi irregolari sul territorio nazionale, con l'accusa di detenzione ai fini dello spaccio di sostanze stupefacenti, porto illegale di armi e ricettazione. I due uomnini sono stati trovati in possesso di 123 grammi di hashish, 88 grammi di cocaina, 155 grammi di eroina, nonché di una pistola calibro 6,35, risultata provento di una rapina commessa in un'abitazione consumata in provincia di Varese nel 2018, una roncola, la somma di 1.500 euro circa, ritenuta provento dell’attività di spaccio, due bilancini e materiale per il confezionamento delle dosi.

Nel contempo sono stati individuati e smantellati vari posti di vedetta, realizzati con tende e veri e propri giacigli utilizzati dagli spacciatori per presidiare il bosco al fine di eludere i servizi di contrasto delle Forze di Polizia. Il materiale rinvenuto è stato sequestrato e i due arrestati sono stati tradotti presso la Casa Circondariale di Lecco a disposizione dalla locale Autorità Giudiziaria, che nella giornata di venerdì 31 ha convalidato l’arresto e disposto la misura cautelare in carcere per entrambi.

In ultimo, unitamente alla Questura di Lecco, si provvederà a verificare la concreta possibilità di espellere dal territorio nazionale i due arrestati, previo nulla osta della magistratura.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Calolzio piange Serena, stroncata a soli 45 anni dal Coronavirus

  • Coronavirus, l'ordinanza diventa più breve: ridotta di dieci giorni la durata, mantenuti i divieti

  • Coronavirus: contagi dimezzati in Lombardia. Nel territorio Lecchese calano del 60%

  • Addio a Mario La Barbera, colonna dei Volontari del Soccorso di Calolzio

  • Mandello: donna di 84 anni cade dal balcone, è in gravissime condizioni

  • Coronavirus, il punto. Nel Lecchese si va oltre quota mille, deceduto il dottor De Gilio

Torna su
LeccoToday è in caricamento