Cronaca

Stress e lavoro, al via il progetto di assistenza alle imprese

Un'iniziativa promossa da Asl e Ministero della salute in arrivo anche in provincia di Lecco

Dopo una fase preparatoria di avvio al Centro controllo malattie stress lavoro correlato, che si è conclusa nel 2014, finalmente nel 2015 il progetto si concretizza anche sul territorio della provincia di Lecco. Si tratta di un'iniziativa a cura del Ministero della Salute affidato a Inail e alle Regioni e Provincie autonome di Italia (16 in tutto) che hanno aderito ad un vero e proprio piano di monitoraggio e d’intervento per l’ottimizzazione della valutazione e gestione dello stress lavoro-correlato.

Il ruolo dell’ Asl in questo progetto è innanzitutto promozionale e di “assistenza” alle imprese sul territorio. Attualmente è in corso la campagna dell’Agenzia europea per salute e sicurezza nei luoghi di lavoro (Osha) intitolata “Healthy work places manage stress" che rappresenta occasione interessante per l'Asl di Lecco di affiancare alle azioni di “monitoraggio” proposte dal Ministero della Salute azioni di diffusione della corretta “cultura” aziendale per la prevenzione dei disagi inducibili da condizioni di stress lavoro-correlato o da disfunzioni dell’organizzazione del lavoro.

Lo stress lavoro-correlato può interessare qualsiasi individuo impegnato in qualunque attività lavorativa. Gli studi epidemiologici evidenziano che più del 40% dei datori di lavoro sostiene che i rischi psicosociali siano più difficili da riconoscere e gestire rispetto ai rischi "tradizionali" ( ad esempio chimici, acustici, sovraccarico biomeccanico, eccetera); circa quattro lavoratori su dieci ritengono che lo stress non venga gestito adeguatamente nel proprio luogo di lavoro; il 50-60% di tutte le giornate lavorative annue perse è dovuto allo stress lavoro-correlato (Slc) e ai rischi psicosociali; circa la metà dei lavoratori considera lo stress lavoro correlato un fenomeno comune nel proprio luogo di lavoro.

E' infatti il secondo problema di salute più frequente legato all’attività lavorativa in Europa, dopo i disturbi musco­lo scheletrici. I principali ostacoli nell’affrontare lo stress lavoro correlato risiedono per il 58% delle aziende nella “delicatezza della questione”, per il 46% nella “mancanza di consapevolezza”. La corretta gestione di questa tipologia di rischio, come da diverse autorevoli evidenze scientifiche, impatta positivamente sull’organizzazione del lavoro favorendo la produttività aziendale, oltre che il benessere dei lavoratori.

Accanto al ruolo di “assistenza” alle Asl è affidato, nel corso del progetto ministeriale, il ruolo di “controllo”, mediante la tecnica dell’audit, finalizzato a verificare il grado di ottemperanza alla normativa da parte delle imprese del territorio. Il progetto prevede un periodo di osservazione innanzitutto sullo stato di attuazione della normativa specifica, e, secondariamente, su alcuni aspetti di rilievo per la realtà produttiva del Paese.

L’Asl di Lecco, con il servizio di Prevenzione e sicurezza negli ambienti di lavoro, ha dedicato al tema due sedute (20 febbraio e 20 marzo) del Comitato provinciale di coordinamento per la salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, i cui verbali e relativo materiale informativo sono reperibili sul sito dell’Asl di Lecco. Informazioni più dettagliate possono essere direttamente richieste al servizio di Prevenzione e sicurezza ambienti di lavoro (tel. 0341 482449).

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stress e lavoro, al via il progetto di assistenza alle imprese

LeccoToday è in caricamento