Finta Onlus fa sparire 100mila euro: nei guai associazione di truffatori

A smantellare l'attività fraudolenta, attiva in Brianza e nel Nord Italia, la Guardia di Finanza di Monza: due arresti, 38 denunce

Avrebbero raccolto oltre 110mila euro di offerte davanti a ospedali, teatri, fiere, stazioni ferroviarie e centri commerciali di Milano e della Brianza. Soldi che avrebbero dovuto utilizzare per beneficenza e che invece, secondo gli investigatori, avrebbero trattenuto per fini personali o che, addirittura, sarebbero stati spesi nelle sale slot.

Per questi truffatori, che nel 2015 avevano fondato un'associazione riprendendo il nome di una Onlus reale soltanto per cercare di beffare forze dell'ordine e donatori, sono iniziati i guai: in 38 sono stati denunciati a piede libero dalla Guardia di finanza di Monza con le accuse di associazione a delinquere, truffa e sostituzione di persona. Due di loro, ritenuti dagli investigatori i capi del gruppo, sono invece finiti agli arresti domiciliari su ordine del Gip di Milano. Il blitz è scattato nella mattinata di martedì 22 gennaio, come riportato in un comunicato delle Fiamme gialle.

Le indagini 

Tutto è iniziato nel 2016 a seguito di alcune segnalazioni su probabili truffe da parte di persone che, spacciandosi per volontari di organizzazioni caritatevoli, raccoglievano somme di denaro che poi - secondo i militari - sarebbero state spese solo per scopi personali. I finanzieri sono arrivati ai presunti responsabili: l'associazione "Un cuore per tutti contro l'emarginazione" di Limbiate, che nulla ha a che fare con l'associazione (reale) che ha sede a Venezia.

Truffe ad anziani, la Questura di Lecco: «Mai cedere denaro»

I Finanzieri hanno perquisito la sede della Onlus e sequestrato diverso materiale tra cui presunti falsi tesserini di associazioni assistenziali, opuscoli informativi e blocchetti di ricevute per il denaro raccolto. Successivamente le Fiamme gialle hanno ascoltato i responsabili di numerosi enti benefici - realmente operanti - che i in alcuni casi hanno riconosciuto tra gli indagati qualche loro ex volontario, che hanno denunciato per truffa per aver indebitamente raccolto somme di denaro senza autorizzazione.

«L'attività investigativa ha fatto emergere l'esistenza, da diversi anni, di un sistema criminale, organizzato e ben collaudato», precisano i finanzieri in una nota.

La notizia su Monza Today

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristoratori egiziani devolvono incasso all'ospedale di Lecco: «La vostra sanità funziona e ci ha aiutati»

  • Guida Michelin, il Lecchese si conferma: "Porticciolo" e "Pierino Penati" rimangono stellati

  • Merate: scomparsa Tatiana Malikova, cittadina russa residente in una struttura ricettiva

  • Le migliori scuole della provincia di Lecco: i risultati per ogni indirizzo

  • Statale 36: chiusa la Lecco-Ballabio, traffico in tilt in città

  • Dopo oltre un anno il Ponte San Michele riapre al traffico veicolare

Torna su
LeccoToday è in caricamento