menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Si spaccia per figlio di una paziente per truffare i medici

Entra negli ambulatori dicendo di essere stato derubato e chiede soldi in prestito. L'ultimo caso nell'Oggionese

Entra negli ambulatori, attende in sala d'aspetto e poi si rivolge al medico spacciandosi per il figlio di una paziente - a volte citando un nome molto comune - e poi racconta una storia del tutto inventata. Dice di essere stato derubato, la sua auto è stata forzata e i ladri gli hanno rubato il portafoglio. Ha bisogno di far benzina, chiede un prestito dicendo che tornerà con i soldi e invitando il medico a chiedere alla "mamma" quello che desidera. "Magari le dico di portarle un formaggio" avrebbe avuto il coraggio di dire questo giovane, che nella settimana appena trascorsa avrebbe colpito in un ambulatorio dell'Oggionese.

L'ultimo episodio di una lunga serie, che ha iniziato a destare sospetti nei medici di base della provincia di Lecco. La tattica è sempre la stessa o simile. Chiede trenta, a volte cinquanta euro, facendo leva sul rapporto di fiducia che spesso si crea tra medico e paziente. Soldi che ovviamente non intende restituire, Tra i medici ambulatoriali della Brianza e del Lecchese sta girando una comunicazione proprio in questi giorni, che invita a non prestare ascolto a giovani che si presentano in studio con questo genere di richieste. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento