menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Da sinistra Filippo La Mantia, Claudio Sadler, Enrico Defrlingher e Giancarlo Morelli

Da sinistra Filippo La Mantia, Claudio Sadler, Enrico Defrlingher e Giancarlo Morelli

A Villa Lario la notte delle "stelle": quattro chef all'opera per una cena d'eccezione

Con il padrone di casa Enrico Derflingher, gli amici Filippo La Mantia, Giancarlo Morelli e Claudio Sadler

È una cena “a otto mani” quella che si è svolta nella serata di domenica 18 ottobre a Villa Lario, quartier generale di Euro-Toques International, e che ha visto ospiti quattro fra i più noti e titolati chef italiani.

Oltre al padrone di casa Enrico Derflingher, infatti, a deliziare gli ospiti ci hanno pensato Giancarlo Morelli, Claudio Sadler e Filippo La Mantia: una squadra di fuoriclasse, ognuno con un proprio percorso professionale e umano, in grado di mettere in ogni piatto un tocco personale di eccellenza. 

Quattro amici da oltre 20 anni, diventati tra i migliori esponenti della cucina italiana nel mondo che, per la prima volta, si sono avvicendati ai fornelli, per un menù unico, in grado di riassumere le diverse storie dei protagonisti. A partire da Giancarlo Morelli, chef bergamasco che, dopo diverse esperienze in Stati Uniti e Francia, nel 1993 è tornato in Italia aprendo a Seregno il Pomiroeu, ristorante che oggi vanta una stella Michelin. O come Claudio Sadler, milanese, uno dei pochi chef italiani capaci di portare con successo il suo marchio in Giappone o in Cina e che, con il suo Sadler in zona navigli a Milano, è riuscito ad ottenere le due preziose stelle della guida Michelin. Fino a Filippo La Mantia, siciliano doc ma con numerose esperienze tra Indonesia, Roma e Porto Cervo, che oggi a Milano guida il suo ristorante omonimo dove, per sua stessa ammissione, è tornato a fare “L’Oste e il cuoco”.

E così, dopo un ricco antipasto a base di panelle, crema di castagna con spuma al cacao e fonduta di caprino, risotto da passeggio, acquarelle fritte, padelline di polenta e missoltini, mandorla con pelle e pelata Almondeli e grana padana invecchiato si è passati ai piatti principali firmati dagli chef: Carpaccio di Astice con sgonfiotto di maionese di bianco di pomodoro, sedano croccante, olive e crescione (Claudio Sadler), Risotto “Regina Vittoria” con gamberoni rossi, RosaMara e timo (Enrico Derflingher), Filetto di capriolo con crema di zucca e cime di rapa (Giancarlo Morelli), Crema al limone e mentuccia (Enrico Derflingher) per concludere con il dessert "La mia Savoia" (Filippo La Mantia). 

Fra gli ospiti della serata, anche la Miss Italia 2013 Giulia Arena, oggi volto televisivo di La7, presente alla cena con il fidanzato Antongiuseppe Morgia, e la food blogger Chiara Maci. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Le cinque camminate per boschi e monti più belle nel Lecchese

Attualità

Lecco e la Lombardia da oggi tornano in zona arancione: in vigore nuovi divieti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento