menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Una manifestazione fuori dall'Aerosol Service di Valmadrera

Una manifestazione fuori dall'Aerosol Service di Valmadrera

Aerosol, si riparte: parti verso la firma dell'intesa

Quarantaquattro lavoratori troveranno posto all'interno della storica azienda di Valmadrera

Potrebbe arrivare oggi, lunedì 14, la firma sull'intesa stipulata tra la propietà di Aerosol Service, rappresentata dal noto commercialista Giovanni Bartoli, e dai sindacati. Se così avverrà, quarantaquattro dipendenti ritroveranno il proprio posto di lavoro all'interno della storica azienda valmadrerese, terzista, da poco meno di un anno al centro di un'intricata situazione economico-finanziaria. Lavoreranno, almeno inizialmente, solo quattro ore al giorno

Aerosol, i sindacati: «Riapertura e stipendi arretrati, soltanto parole»

Stando a quanto riportato da "La Provincia di Lecco", Aerosol cederà in affitto il ramo d’azienda farmaceutico alla neo costituita Aerosol Pharmaceutical, società che vede lo stesso Bartoli come amministratore unico. La produzione è ferma da dicembre a causa della richiesta di messa a norma operata da Vigili del Fuoco e Arpa; da centoventi a sessantaquattro, invece, sono calati i posti di lavoro disponibili, una "sforbiciata" operata dalla proprietà per tamponare l'assenza di liquidità; da saldare rimangono sei mesi di stipendi arretrati.

Cauto ottimismo filtra dagli ambienti sindacali: gli altri venti lavoratori saranno sottoposti al contratto di solidarietà fino al prossimo giugno, mentre coloro che non sono compresi nel progetto di riassunzione saranno utilizzati gli ammortizzatori sociali. La necessità è comunque quella di tornare a lavorare seguendo lo schema dei tre torni, condizione necessaria per riassumere tutti. A breve l'Arpa dovrebbe assegnare nuovamente l'agibilità alla fabbrica, vista la prossima conclusione dei lavori di messa in sicurezza effettuati in questi mesi.

Salvo sorprese, il cuore dell'Aerosol riprenderà quindi a battere: tra una decina di giorni i primi lavoratori dovrebbero fare rientro in azienda e, sempre in quei giorni, la proprietà dovrebbe versare il primo stipendio arretrato. Tutto tace, invece, sul possibile ingresso di nuove figure all'interno della composizione del capitale sociale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento