Aerosol, i sindacati: «Riapertura e stipendi arretrati, soltanto parole»

L'incontro con l'attuale proprietà non ha portato ad alcuna novità rilevante nonostante le promesse delle scorse settimane. «Chiediamo una cessione senza speculazioni»

Una fumata nera. Anzi, quasi soltanto fumo. Il futuro di Aerosol Service e dei suoi lavoratori è sempre più oscuro, tanto che qualcuno, sui social, grida ormai alla "farsa".

L'incontro andato in scena giovedì 8 marzo tra i sindacalisti di Filctem Cgil, Femca Cisl e Uiltec, l'amministratore unico dell'azienda Giovanni Bartoli, il sindaco di Valmadrera Donatella Crippa Cesana, l'assessore al Lavoro Antonio Rusconi, i rappresentanti di Confindustria e dell'Amministrazione provinciale, non ha portato ad alcuna notizia rassicurante da parte dell'attuale proprietà. E ha alimentato i cattivi pensieri dei lavoratori.

«È andata come ci aspettavamo - afferma Nicola Cesana di Filctem - Bartoli non ha saputo dirci quando potrà ripartire la produzione, ma soprattutto quando saranno pagati gli stipendi».

Saldata solo una mensilità

I lavoratori si attendevano che le rassicurazioni giunte da Bartoli - ex amministratore delegato della Calcio Lecco nei primi anni Duemila - nell'ultimo incontro (14 febbraio) con le parti sindacali trovassero concretizzazione, sia sulla ricapitalizzazione sia sull'immissione di liquidità. Soltanto una mensilità arretrata, invece, è stata saldata, con cinque ancora da riscuotere e i cancelli della fabbrica chiusi nonostante l'iniziale data di riapertura fissata per il 26 febbraio.

Lavoratori senza stipendio

Fuori dalla sede della Provincia in cui è andato in scena incontro tra sindacati e azienda, i lavoratori si sono ritrovati e hanno espresso tutta la loro rabbia. «Non viviamo d'aria», il commento generale.

Settimana prossima si terrà un'assemblea al Fatebenefratelli di Valmadrera, ma si parlerà di chiusura imminente. L'unica alternativa al fallimento di Aerosol sarebbe consentire di portare avanti l'attività industriale a chi è realmente intenzionato a farlo. 

«Ma non a speculare - spiegano i sindacati - Serve che rilevi questa attività che può essere ancora importante e redditizia. Bartoli ci ha assicurato che ci sono due trattative in ballo, ma non abbiamo ricevuto alcuna garanzia».

I sindacalisti informano i lavoratori al termine dell'incontro

Il video dei sindacalisti che ragguagliano i lavoratori al termine dell'incontro, pubblicato sul gruppo Facebook di "Potere al Popolo Lecco".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gessate saluta Elena e Diego, privati della loro vita dalla follia omicida del padre: «Ciao nanetti»

  • Valmadrera, tragedia sul Sentiero delle Vasche: ritrovato un corpo senza vita

  • Mandello piange Marco Maggioni, scomparso a 55 anni

  • Multa fino a 1.500 euro per chi pesca un siluro e non lo ammazza

  • Ritrovata e affidata alla famiglia la minorenne scomparsa da Rogeno

  • Mandello, transenne e code intorno alle aree a lago off limits

Torna su
LeccoToday è in caricamento