Venti di fohn e zero precipitazioni: sempre presente il rischio per lo sviluppo d'incendi

Il rialzo delle temperature ha portato alla creazione delle condizioni favorevoli per il verificarsi del fenomeno

Sono giorni di grande attenzione nel nord della Lombardia. L'arrivo dei venti di fohn ha portato le temperature a innalzarsi e alla creazione di un clima decisamente secco, ideale per lo sviluppo e la propagazione d'incendi sul territorio. La Protezione Civile in questi giorni ha inserito il Lario tra le zone a criticità "gialla" e anche "arancione", condizione di maggior rischio superata dall'umidificazione dell'aria. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il tempo sulla Lombardia: rischio incendi

Tempo stabile sulla Lombardia con assenza di precipitazioni. In concomitanza con l’intensificazione della ventilazione, si attende una diminuzione della umidità dell’aria e dello strato superficiale del terreno: si segnalano quindi condizioni favorevoli allo sviluppo e alla propagazione di incendi boschivi, in particolare sulla fascia alpina e prealpina (principalmente sui settori di Nordovest).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lecco in lutto per la scomparsa di Antonella: giovane madre, lascia quattro figli

  • Iperal, dipendenti in stato di agitazione: «Nessuna chiusura festiva, controlli sospesi e pochi dispositivi di protezione»

  • Coronavirus, il Presidente Attilio Fontana ha firmato una nuova ordinanza

  • Coronavirus, mascherine gratis in Lombardia: ecco dove ritirarle, a Lecco sono centomila

  • Civate in lutto per la scomparsa di Ambrogio Rusconi, storico commerciante del paese

  • Pazienti Covid-19 da Lecco alla Germania, il dott. Maniglia: «Ci hanno teso una mano e l'abbiamo afferrata»

Torna su
LeccoToday è in caricamento