rotate-mobile
Mercoledì, 7 Dicembre 2022
L'appello / Centro storico / Piazza Armando Diaz

Caro energia, il sindaco Gattinoni: “Lecchesi, consumate meno”

Il primo cittadino di Lecco parla alla cittadinanza anche in vista dell'accensione dei riscaldamenti

L'autunno è arrivato, la pioggia pure, il calo delle temperature si fa sentire. Poche settimane e dovrebber arrivare il momento di accendere i termosifoni, anche se nei prossimi giorni si dovrebbe verificare un aumento delle massime, che dovrebbero tornare oltre i venti gradi grazie al bel tempo. E, chiaramente, il tema del caro energia tornerà a farsi prepotentemente sentire sulle tasche dei cittadini. Il sindaco di Lecco, Mauro Gattinoni, è tornato a parlare ai lecchesi attraverso il suo spazio settimanale, affrontando la “diffusa giusta preoccupazione dovuta al caro energia, che rischia di mettere sotto forte stress i conti delle famiglie, delle imprese e pure quelli del Comune”.

“Lecchesi, consumate meno energia”

“Un invito - si appella il primo cittadino -: com'è stato per l’emergenza siccità, riduciamo i nostri consumi, fin dove possibile. È però altrettanto chiaro che senza un intervento governativo o di scala europea la situazione si farà seria: tutti i sindaci, le famiglie e le imprese si attendono risposte concrete dal prossimo Governo, possibilmente che non diventino ulteriori debiti sulle spalle delle giovani generazioni”.

"Dalla Regione 40 milioni alle Case di riposo contro i rincari di energia e bollette"

“Il comune non può “tagliare” dei servizi essenziali - ha ricordato Gattinoni -: il riscaldamento scolastico, l’illuminazione stradale o il trasporto pubblico (Linee Lecco stima in 500mila euro l’aumento del costo del gasolio). Altri, come il funzionamento del centro sportivo Bione, pur non essendo tecnicamente “essenziali”, rispondono a una grande e sana esigenza di sport per migliaia di giovani ogni settimana e, per questo, abbiamo già messo in contro oltre 100mila euro di “ripiano bollette” per tenerlo in funzione, a beneficio dei ragazzi, delle società sportive. Ci sono poi i bisogni singoli, l’aiuto che dobbiamo alle singole famiglie meno abbienti della nostra città che non riescono più a pagare luce e gas: per loro ieri in Giunta abbiamo deciso un ulteriore fondo di sostegno economico concreto, rapido, automatico. La nostra Amministrazione non lascerà indietro nessuno”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caro energia, il sindaco Gattinoni: “Lecchesi, consumate meno”

LeccoToday è in caricamento