Mandello, la civica benemerenza 2019 all'imprenditrice Silvia Buzzi

Le motivazioni: «Si è distinta per l'attività industriale di famiglia ma anche e soprattutto per la sua attenzione al mondo associazionistico, al territorio, alla società e alle persone in difficoltà»

Il Municipio di Mandello

Una sola civica benemerenza. Dopo le tre assegnate lo scorso anno, nel 2019 il Comune di Mandello attribuirà soltanto un prestigioso riconoscimento a uno dei suoi cittadini. Si tratta di Silvia Buzzi, imprenditrice di successo che ha legato il suo nome alla Icma e ha contribuito allo sviluppo economico e sociale del paese.

Giuseppe Abbagnale visita la Canottieri Moto Guzzi: «Qui grande storia e vitalità»

La scelta è arrivata dal Consiglio comunale che si è riunito in riunione segreta. Le segnalazioni giunte quest'anno sono state dodici, per un totale di nove candidature. Non tutte, però, sono state sufficientemente argomentate dai promotori, ragion per cui alla fine si è optato per un solo riconoscimento, raggiunto tuttavia con l'unanimità dell'Assise. Per l'anno prossimo, il sindaco Riccardo Fasoli ha invitato tutti i consiglieri a «a studiare un metodo per coinvolgere maggiormente la cittadinanza in questa iniziativa e rendere più dettagliate le candidature, anche attraverso una valutazione preliminare che possa permettere eventuali integrazioni».

Il Comune di Mandello celebra i suoi i primi cittadini benemeriti

Le motivazioni della scelta di Silvia Buzzi

Riportiamo di seguito le motivazioni addotte dal Consiglio comunale nell'individuare Silvia Buzzi per la civica benemerenza 2019. «Sono felice di questo riconoscimento a una imprenditrice che, per il suo paese, non si tira mai indietro» ha commentato Fasoli.

Imprenditrice mandellese distintasi per l'attività industriale di famiglia ma anche e soprattutto per la sua attenzione al mondo associazionistico, al territorio, alla società e alle persone in difficoltà. Ha seguito l'azienda di famiglia Icma, fondata dalla nonna Matilde Carcano, determinandone un grande sviluppo. 

Conferisce dal 1996 le borse di studio per i figli dei dipendenti: esempio di attenzione alle famiglie dei lavoratori e aiuto concreto per la crescita delle nuove generazioni.

Ha ricoperto incarichi prestigiosi in seno alla sezione lecchese di Confindustria, promuovendo l'imprenditoria femminile. Ha contribuito, con cospicui investimenti, alla riqualificazione del centro sportivo comunale, del rifugio Bietti-Buzzi di proprietà del Cai Mandello e aiutando tante altre realtà e famiglie all'interno della comunità.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sulle orme del padre Luigi e della madre Elena è esempio di profonda umanità, discrezione ed estrema vicinanza alla comunità mandellese.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un lockdown "morbido" tra dieci giorni e l'ipotesi coprifuoco alle 21 in tutta Italia

  • Oggiono: incidente in via per Molteno, giovane finisce in ospedale in gravi condizioni

  • Nuovo Dpcm: stop anticipato a ristoranti-bar, no al divieto di circolazione

  • Coronavirus, il punto: oltre cento tamponi positivi, nel Lecchese superata quota quattromila. "Manzoni": tre posti liberi nei reparti

  • Postavano sui social video girati a Lecco con pistole e maceti, blitz della Polizia contro la "Baby Gang"

  • Coronavirus, il punto: oggi 96 nuovi casi nel Lecchese, oltre 35.000 tamponi in Lombardia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccoToday è in caricamento