rotate-mobile
Mercoledì, 18 Maggio 2022
Notizie Mandello del Lario

Dopo oltre 70 anni di impegno si chiude l'avventura del Centro Italiano Femminile di Mandello

Molte le attività meritorie portate avanti sul territorio dal 1949 in avanti. Il covid ha frenato l'associazione fino alla scelta di cessare l'attività

Nato nel 1949 e da oltre 70 anni al fianco delle donne sostenendole nella loro quotidianità, il Centro Italiano Femminile di Mandello ha cessato la propria attività. Numerose le iniziative portate avanti sul territorio - attraverso un percorso di condivisione dei valori e dell’etica cristiana - fino alla recente gestione del Punto Gioco “Palla pallina”, scuola dell’infanzia, struttura per bambini e famiglie.

Nel 2020, l’avvento della pandemia con tutte le limitazioni del caso, aveva costretto l'associazione a rinunciare agli incontri e alla gestione di questa importante realtà ricettiva, a datare dal febbraio 2021 senza avere un seguito, una ripresa. Un'annata difficile nella quale le volontarie avevano anche pianto la scomparsa di Marialuisa Capparini Panizza, persona legata al Cif locale nell’impegno e nella copertura della presidenza del sodalizio stesso dal 1991 al 2000, oltre ad aver fatto parte nella seconda metà degli anni Novanta del consiglio nazionale. Una volontaria che con le altre aveva creduto nella necessità di dotare Mandello e successivamente Crebbio ad Abbadia Lariana di efficienti strutture a sostegno della famiglia.

Le difficoltà legate anche al ricambio generazionale

Oggi, il territorio mandellese si trova privo di questi “ponti” sociali costruiti nel passato e attualmente finiti anche, e forse per un non ricambio generazionale tra gli attuali volontari avanti negli anni. Constatazione questa esternata anche da Fernanda Castellani presidente provinciale del Centro Italiano Femminile, presente al pranzo conviviale presso il Ristorante Grigna a Mandello. Una parentesi questa che ha visto nei giorni scorsi radunare il gruppo di associati, per accantonare un momento le negatività e sperare in un futuro migliore.

Il sodalizio, chiuso a Mandello, prosegue comunque nella sua operatività a livello provinciale nei comuni di Lecco e Colico, con iniziative che vanno a coinvolgere e toccare la sfera culturale. Negli auspici della presidente Castellani, la speranza che nuove forze, soprattutto giovani, possano trovare lo stimolo per donare parte del loro tempo libero alle meritorie cause di carattere sociale, culturale e assistenziale, da sempre bandiere del Centro Italiano Femminile.

(Si ringrazia Alberto Bottani per la collaborazione)
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dopo oltre 70 anni di impegno si chiude l'avventura del Centro Italiano Femminile di Mandello

LeccoToday è in caricamento