menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Merate, si cercano associazioni per realizzare e gestire un gattile

Appello del Comune con una richiesta di manifestazioni di interesse verso la struttura in Via della Casa Rossa già destinata a questo uso

Il Comune di Merate sonda la cittadinanza per raccogliere eventuali candidature a realizzare e gestire una struttura destinata a gattile.

L'Amministrazione Comunale meratese intende infatti concedere in uso un terreno in Via della Casa Rossa (distinto al catasto al foglio 8 del c.c. di Merate mappale 4626) per una superficie complessiva di 870 metri quadri. Il terreno verrà concesso esclusivamente per la realizzazione e la gestione di una struttura destinata a gattile.

«Esclusi ingiustamente dalla gara d'appalto per la gestione del Centro anziani»

La giunta del sindaco Andrea Massironi, con la delibera n° 161 dello scorso 13 novembre 2018 aveva approvato il progetto di fattibilità tecnica ed economica. Ora, invece, pubblica un avviso esplorativo per manifestazione d'interesse alla concessione dell'area della Casa Rossa per quindici anni dalla stipula della convenzione.

Naturalmente l'iniziativa si rivolge a cooperative, associazioni e organizzazioni di volontariato. Il regolamento prevede la realizzazione di una struttura con box per l'ospedalizzazione dei gatti, e un rifugio per la custodia di un numero di animali variabile a secomda dello spazio disponibile.

Le attività richieste al gattile

Queste le attività che verranno svolte all'interno del gattile: assicurare il ricovero di gatti in difficoltà, non di proprietà nota, in genere dopo gli interventi di pronto soccorso finalizzati alla stabilizzazione perché ritrovati feriti o gravemente ammalati, al fine di garantire loro il proseguimento delle cure e delle terapie e il loro mantenimento, quando necessario, in strutture comunque protette e adeguate allo scopo per un periodo di tempo congruo alle specifiche necessità del singolo soggetto; facilitare l'affido dei soggetti ristabiliti, se non già appartenenti a colonie feline formalmente censite nelle quali, in tal caso, andranno ricollocati; consentire per i gatti che non appartengano a colonie feline censite, comunque ormai ristabiliti e per i quali non sia stato ancora possibile giungere ad affido, una soluzione diversa dall'immissione nella colonia felina più vicina al punto dell'avvenuto ritrovamento del soggetto garantendogli così la possibilità di trovare rifugio e sostentamento in una struttura comunque protetta, in un habitat idoneo ma diverso da un "gattile" propriamente detto (le cosiddette oasi feline).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Le cinque camminate per boschi e monti più belle nel Lecchese

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento