rotate-mobile
Notizie

Moto Guzzi, il Comitato Motoraduno: "Meravigliosa carica dei 60mila"

Bilancio più che positivo per l'edizione che ha appena celebrato i 100 anni della Casa dell'Aquila. "Nella memoria di tutti resterà la voglia di incontrarsi e festeggiare il marchio mandellese"

Un raduno caratterizzato da grandi numeri, affluenza, passione, memoria e prospettiva. La forzata astinenza causata dalla pandemia ha generato una voglia incredibile di prendere la propria Moto Guzzi e mettersi in viaggio, da tutta Italia, da tutta Europa e anche oltre, per soddisfare quello che per un Guzzista è un naturale istinto, come se fosse un flusso migratorio: la voglia di incontrarsi (finalmente) e festeggiare insieme l'amata Moto Guzzi, ancor più per il suo aver raggiunto e superato il traguardo storico dei 100 anni. 

Sin dall'inizio della settimana di festeggiamenti tanti Guzzisti (soprattutto provenienti dall'estero) hanno iniziato a giungere come piccoli rivoli d'acqua a popolare Mandello del Lario, per poi crescere, giorno dopo giorno, fino a diventare un fiume in piena sabato e domenica, portando gioia e allegria, fino all'incredibile numero di 60mila appassionati: un vero record.

La voglia (e necessità!) di vedersi e fare festa è da sempre una delle caratteristiche principali del popolo guzzista: gli incontri spontanei o organizzati dai tanti Club sono ogni anno tantissimi e il Motoraduno Internazionale Città della Moto Guzzi è - come sempre - il riferimento annuale che abbraccia e raduna tutta la vitalità e convivialità di tutte le genti appassionate delle moto uscite dal cancello di Via Parodi 57.

Per l'occasione Moto Guzzi, oltre ad aprire le porte della fabbrica e allo spazio eventi interno, ha dato maggiore respiro al suo prezioso museo e restaurato tutte le motociclette esposte, dando loro maggiore spazio per poterle ammirare senza costrizioni; in più si è aggiunta un'apposita sala motori con tanti prototipi suggestivi, oltre al reparto competizioni, da sempre fiore all'occhiello del museo interno e, in collaborazione con il Comune di Lecco che ha patrocinato l'evento e con il Comitato Motoraduno, ha organizzato un'imponente parata di appassionati che, guidata da due Carrozzieri in sella a due California e dall'attore Ewan McGregor in sella alla nuova V100, hanno percorso il tratto di lungolago fino al magico cancello rosso della fabbrica.

Programma super

Il Comitato Motoraduno Internazionale Città della Moto Guzzi ha preparato un programma mai visto prima per quantità e qualità offerta al popolo guzzista, che non si è certo fatto pregare per riempire ogni evento con la sua festosa presenza. Si è cominciato già dal mercoledì, con il free style show di Ema Angius e del suo funambolico team, che la domenica ha effettuato i salti anche in sella a uno Stornello, con l'emozionante show del Muro della morte e con la bellissima iniziativa dell'Associazione Bimbi in Moto, che hanno consentito a tanti bambini di dare i primi colpi di gas e pieghe (e anche qualche innocuo dritto!) in sella alle mini moto elettriche.

Nel frattempo in tutte le vetrine dei negozi di Mandello spuntavano Moto Guzzi, libri, bandiere, fotografie, vestiti, modellini, parti speciali... insomma qualsiasi cosa avesse a che fare con la fabbrica di motociclette di Via Parodi; in particolar modo ha colpito l'esposizione "La-qui-la" di motociclette storiche. Uno dei segnali più forti della grandissima partecipazione di tutto il paese alla festa della Moto Guzzi.

Grande successo per le tante mostre a tema: alla Lega Navale era esposta la mostra "Quel genio di Giulio Cesare Carcano: una vita tra barca e motori" dedicata a una delle figure più importanti della storia della Moto Guzzi; lo spazio espositivo al Lido ha raccolto le suggestive moto storiche di Retrò Village; già da diversi giorni ai Giardini aveva fatto capolinea la splendida mostra fotografica itinerante "I 100 anni dell'Aquila" capace di rievocare persone e momenti indimenticabili della lunga storia sportiva e non; chi non voleva stare fermo ha avuto modo di effettuare il Moto Tour dei 4 musei, organizzato dal Gruppo Amici di Maggiana tra Mandello, Abbadia, Val d'Esino e Valsassina per raggiungere le quattro esposizioni, godendosi anche gli itinerari. Infine, anche le opere del concorso a fumetti "La nascita di un mito" hanno aggiunto colore alla grande festa.

Il grande spettacolo è stata inoltre la naturale esposizione delle tantissime Moto Guzzi degli appassionati: passeggiare tra tutti gli esemplari parcheggiati in ogni angolo libero del paese è stato non solo ripercorrere la storia ma anche assaporare la passione nel personalizzare ed elaborare le proprie Moto Guzzi.

Motoraduno Guzzi 2022 (42)

Celebrare la storia della Moto Guzzi è stato anche partire dalle origini, da quella magica officina di Giorgio Ripamonti dove il primo dei tanti sogni di Carlo Guzzi e Giorgio Parodi si è materializzato.

Grande emozione anche nell'Area 2 in Piazza Leonardo Da Vinci, dove alle spalle del monumento a Carlo Guzzi sono comparse tante leggendarie motociclette da competizione accese per l'occasione, come la sempre imperdibile 8 cilindri da gran premio degli anni '50 più alcuni prototipi con soluzioni inedite ai motori. 

L'Area 1 in piazza Garibaldi, area principe di incontro e di ritrovo tra i guzzisti, è stata cuore degli eventi extra fabbrica, con la ricca esposizione di special su base Moto Guzzi e parti speciali degli abili preparatori della Custom Road, con gli stand degli sponsor, del Comitato organizzatore e quello dei grandi viaggiatori delle Vie del Naco e le loro avventure da raccontare. 

Area 1 che ogni sera si è accesa di mille note con la musica delle tante band che si sono esibite sul palco principale e in quello vicino allo stand dei Laghèe: Scramble & the Cats, Cani Sciolti, Frankie & the blind Zeroes, BMB, Reloaded, Mac, Freaky Jam, 60-70 e Riff Raff ci hanno fatto il pieno di energia e calore grazie a tanto rock and roll dispensato senza limiti.

Ma non solo: giovedì sera al Teatro De Andrè è andato in scena "Ripartiamoda100", il giro di circa 4.000 km da Mandello alla Sicilia toccando tutte le Città dei Motori; venerdì sera la piazza del Comune è stata dedicata alla proiezione del docufilm “"Il coraggio di andare oltre", e nelle giornate di venerdì e sabato, è stato possibile anche navigare per il lago con le tipiche barche lariane, grazie al Gruppo Manzoniano Lucie.

Ristori, lotteria e concorso

Da ricordare anche la grandissima offerta di punti di ristoro, grazie anche alle tante associazioni del territorio: Abilmente Onlus, Associazione Micky Day, Bar H Crebbio, Compagnia del Pontile, Cooperativa Sociale Incontro, Gruppo Alpini di Mandello del Lario, Gruppo Amici di Maggiana, Lega Navale, Mato Grosso, Polisportiva Mandello volley, triathlon, basket e calcio.

L'estrazione della lotteria e la premiazione dei vincitori del concorso "La nascita di un mito" hanno concluso il magico evento del centenario; l'estrazione della lotteria (sold out tutti i biglietti) ha assegnato i quattro ricchi premi in palio: la splendida Moto Guzzi V85TT Guardia d'Onore, il viaggio di 5 giorni a New York, la minicrociera nel Mediterraneo e infine il gilet con sistema Airbag a marca Motoairbag.

A fare gli onori di casa è stato il Comitato Motoraduno Internazionale Città della Moto Guzzi, composto dal Moto Club Moto Guzzi GP che segue la presenza di moto da collezione in tanti eventi italiani e europei, l'Associazione Motociclistica I Laghée, il concessionario Agostini, la Pro loco Mandello del Lario e naturalmente l'Amministrazione comunale con il Sindaco Riccardo Fasoli a coordinare tutto come un direttore d'orchestra. 

"Ringraziamo - concludono dal Comitato organizzatore - in maniera sentita gli sponsor che hanno contribuito a realizzare tutto questo: Acel Energie, il concessionario Agostini, Gamma Zinken, Motoairbag, Nicole Viaggi e 3Mytech. Il nostro ringraziamento va, oltre che alle Associazioni già citate, anche al Soccorso degli Alpini, alla Protezione Civile di Mandello e Abbadia Lariana, a Silea, all'Asi, Areu, Archivio Comunale Memoria Locale, al Ghisallo Cycling Museum, ai Commercianti e ai dipendenti comunali di Mandello e a tutte le forze dell'ordine per il loro prezioso e costante aiuto".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Moto Guzzi, il Comitato Motoraduno: "Meravigliosa carica dei 60mila"

LeccoToday è in caricamento