menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Emilio Minuzzo

Emilio Minuzzo

Centro sportivo Bione, Emilio Minuzzo (Ncd): "Completamente dimenticato da Brivio e compagnia"

Il candidato ventiduenne spiega quali interventi sono necessari per riqualificare il centro sportivo comunale

«Il Bione è stato completamente dimenticato da Brivio e compagnia. Dev’essere una priorità restituirlo ai cittadini»: è questa la posizione di Emilio Minuzzo, 22enne candidato alle elezioni lecchesi con il Nuovo centrodestra, riguardo il centro sportivo comunale.

Minuzzo, che per anni è stato arbitro di calcio, sintetizza così le esigenze dell'impianto:«Al Bione servono innanzitutto spogliatoi, campi sintetici e controlli di sicurezza. Sono anni, ormai, che la manutenzione dei campi è nulla – spiega Minuzzo – Con il risultato che il terreno è impraticabile, le reti rotte, gli spogliatoi, a parte quelli del campo 1, sono baracche di lamiera, con attrezzatura improbabile e sanitari inqualificabili».

Quando piove troppo, al Bione è necessario riempire con la sabbia i buchi formati dall’acqua, mentre le società che usano il campo sono passibili di sanzioni da parte della giustizia sportiva a causa di queste e altre pecche del centro. L’ingresso, poi, secondo Minuzzo è un altro problema: «Non c’è nessuna forma di controllo, il che significa totale assenza di sicurezza, perché potrebbe entrare chiunque, malviventi compresi. Senza contare il danno economico derivante dal fatto che chi vuole può allenarsi, lavarsi nelle pur fatiscenti strutture, e andarsene senza aver versato un solo euro dei 2,50 di tariffa, denaro che potrebbe essere fondamentale per una manutenzione costante e puntuale».

Come rimettere in sesto il Bione, dunque? «Servono almeno due campi sintetici, due in erba, vera, non i quattro ciuffi spogli che ci sono ora, spogliatoi in muratura con servizi igienici degni di questo nome - spiega Minuzzo - il denaro necessario alle spese si può reperire attraverso la partecipazione ai bandi, anzitutto regionali, e poi tramite la collaborazione tra pubblico e privato».

Secondo il candidato, poi, altri interventi necessari riguardano il sottopasso, con le ragnatele e non illuminato, la piscina con i relativi spogliatoi e la pista di atletica che è piena di buchi e, la sera, completamente al buio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Le cinque camminate per boschi e monti più belle nel Lecchese

Attualità

Verso il nuovo Dpcm del governo Draghi: ecco cosa cambierà

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento