Mercoledì, 22 Settembre 2021
Politica

Giustizia, l'appello degli amministratori lecchesi che dicono sì ai referendum

La lettera firmata da una cinquantina di esponenti politici, tra sindaci e consiglieri: "Aderiamo con convinzione e sottoscriviamo i sei quesiti per una giustizia giusta. Ecco perchè"

Al centro della foto Claudio Usuelli, presidente della Provincia di Lecco e sindaco di Nibionno, tra i firmatari dell'appello pro referendum.

Diversi amministratori del territorio lecchese scendono in campo a sostegno di una Giustizia Giusta. "Ecco il nostro appello a firmare: a Barzio il 4 agosto e a Lecco 5 agosto i gazebo per la raccolta adesioni" - scrivono una cinquantina di esponenti politici, soprattutto di area centrodestra. 

"Aderiamo con convinzione e sottoscriviamo i 6 Referendum per una giustizia giusta promossi dalla Lega, Forza Italia e Radicali italiani - si legge in una nota inviata dal Consigliere regionale Mauro Piazza - Nel nostro paese finalmente, dopo anni, il tema della Giustizia è al centro dell’agenda politica. Noi amministratori locali ci sentiamo in dovere di prendere una posizione chiara e netta per sottoporre all’attenzione dell’opinione pubblica lecchese un argomento che, per troppo tempo, ha visto contrapporsi visioni culturali frutto di un retaggio che affonda le proprie radici nel periodo di Tangentopoli". 

I Firmatari dell'appello a sostenere i 6 referendum

  • Usuelli Claudio - Presidente Provincia Lecco e Sindaco Nibionno
  • Manzoni Matteo - Consigliere provinciale e Sindaco Crandola Valsassina
  • Micheli Mattia - Consigliere Provincia di Lecco
  • Arrigoni Battaia Giovanni - Sindaco Barzio
  • Buzzella Luca - Sindaco Valvarrone
  • Codega Elide - Sindaco Premana
  • Colombo Mauro - Sindaco Garbagnate Monastero
  • Colombo Virginio - Sindaco Ello
  • Combi Roberto - Sindaco Cassina
  • Corti Andrea - Sindaco Moggio
  • De Giambattista Nando - Sindaco Perledo
  • Galperti Sergio - Sindaco Cortenova
  • Invernizzi Antonella - Sindaco Morterone
  • Invernizzi Pierluigi - Sindaco Cremeno
  • Isella Angelo - Sindaco Civate
  • Nogara Alberto - Sindaco Taceno
  • Pasquini Antonio - Sindaco Casargo
  • Pensa Pietro - Sindaco Esino
  • Redaelli Matteo - Sindaco Rogeno
  • Rusconi Antonio - Sindaco Bellano
  • Arrigoni Neri Antonio - Vice Sindaco Cremeno
  • Combi Davide - Vice Sindaco Moggio
  • Pavoni Osvaldo - Vice Sindaco Taceno 
  • Procopio Giuseppe - Vice Sindaco Merate
  • Valsecchi Gigi - Vice Sindaco Ello
  • Canepari Fabio - Presidente Comunità Montana VVR 
  • Adamoli Ferruccio - Presidente Assemblea Comunità Montata VVR
  • Casaletto Alfredo - Assessore Merate
  • Del Nero Gabriella - Assessore Comunità Montana VVR
  • Pandiani Pierfranco - Assessore Bellano
  • Pomi Dino - Assessore Comunità Montana VVR
  • Bellano Enrico - Consigliere Cortenuova
  • Brigatti Simone - Consigliere Lecco
  • Caravia Gianni - Consigliere Lecco
  • Ciresa Peppino - Consigliere Lecco
  • Ferraroli Mattia - Consigliere Bellano
  • Minuzzo Emilio - Consigliere Lecco 
  • Pensotti Nico - Consigliere Margno
  • Secchi Andrea - Consigliere Olginate
  • Tavola Simone - Consigliere Airuno
  • Bergna Davide - Coordinatore provinciale Forza Italia Lecco
  • Gianola Giovanni - Già Vice Sindaco Premana 
  • Locatelli Umberto  - Già sindaco di Moggio
  • Malugani Max - Già Sindaco Margno
  • Redaelli Franco - Già Vice Sindaco Vendrogno E Assessore Comunità Montana VVR
  • Mambretti Beppe - Coordinatore Lecco Merita di Più
  • Scola Anna - Responsabile Azzurro Donna
  • Arrigoni Oscar - Direttivo Forza Italia Lecco
  • Gagliardi Roberto - Direttivo Forza Italia Lecco
  • Rea Claudio - Direttivo Forza Italia Lecco

"Riteniamo importante che questa stagione refenderaria possa essere identificabile da parte dei nostri concittadini, non solo dai partiti politici che hanno promosso l’iniziativa, ma anche dalle donne e dagli uomini che, ogni giorno, per amministrare i soldi della collettività, si confrontano con le storture e le lungaggini del sistema giudiziario italiano per di più rischiando, a ogni atto firmato e a ogni decisione amministrativa presa, di rimetterci reputazione e affetti".

"Gli obiettivi di questi referendum per una Giustizia Giusta"

Per i firmatari dell'appello, sostenere i sei referendum sulla Giustizia vuol dire concretamente:

  1. Attuare una riforma del Consiglio Superiore della Magistratura: Stop allo strapotere delle correnti, Palamara docet.
  2. Chiedere che vi sia una responsabilità diretta dei magistrati e più tutele per i cittadini: chi sbaglia, paga.
  3. Ottenere un’equa valutazione dei magistrati: i magistrati non possono essere controllati solo da altri magistrati.
  4. Realizzare la separazione delle carriere dei magistrati: STOP alle porte girevoli per ruoli e funzioni.
  5. Porre dei limiti agli abusi della Custodia Cautelare: un equo processo, per tutti.
  6. Abolire il Decreto Severino: più tutele per sindaci e amministratori.

"Nelle prossime settimane saremo con convinzione a raccogliere le adesioni a Barzio, il 4 agosto in Piazza Garibaldi dalle ore 9.00 alle 13.00 e a Lecco, il 5 agosto in Via Roma dalle 8.30 alle 12.30: ti chiediamo di venire a firmare per permettere a tutti gli italiani di concorrere, insieme, a riformare il nostro Paese.
Noi in questa battaglia di civiltà ci crediamo, fai anche tu la tua parte".

Referendum, la Lega si mobilita: "Ai cittadini offriamo un'opportunità storica"
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giustizia, l'appello degli amministratori lecchesi che dicono sì ai referendum

LeccoToday è in caricamento