menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Basket Costa Masnaga.

Basket Costa Masnaga.

Basket Costa Masnaga: sofferenza, forza e coraggio!

Serie A3 Femminile. Altra partita giocata col cuore e altra vittoria tra le mura di casa per un Basket Costa in formato gigante. 1° giornata di ritorno Poule-Promozione Campionato di A3F

B&P CostaMasnaga - Basket Sarcedo 66-62 (34-27)(26-15 / 8-12 / 16-18 / 16-17)

BkCosta: Casartelli 7, Longoni NP, Bossi NP, PozziC 5, Tagliabue NP, Tunguz 12, Bassani 14, Frigerio 10, Polato, Melli NE, PozziF 18, Bolis NE, Parravicini NE.

Sarcedo: Cattelan, Tessaro 13, Frigerio 5, Pasin, Reani 16, Mosetti 18, Ferri NE, Pederzolli NE, Minuzzo 5, Rigoni 5.

Contro Sarcedo, che si presenta in Brianza senza Ercoli, Reggiani e Casarotto (pareggiando così le nostre assenze: Tagliabue, Longoni e Bossi), le biancorosse sono autrici dell´ennesima dimostrazione di essere innanzitutto una squadra (già di per sé un valore); poi di avere grande capacità di soffrire, forza di prendersi il massimo possibile in ogni occasione, coraggio di essere decisive a turno, senza l´esclusiva di nessuno.

E così sul parquet di via Verdi sono Franci Pozzi e compagne a portarsi a casa i 2 punti.
L´avvio è scoppiettante, tanto che al 2´30" il tabellone dice 10-8. E´ qui che Costa mette le basi per la vittoria finale, alternando difese a uomo e zona, girando palla a grande velocità, e colpendo da fuori e da sotto (ottima F.Pozzi in questo frangente), e a rimbalzo offensivo.

Sarcedo va in difficoltà, chiude il quarto a -11, e scivola a -15 al 12´ (30-15). Qui però le ragazze di Moki Stazzonelli trovano una serie di giocate in contropiede che girano l´inerzia della gara, e iniziano a recuperare, lentamente ma inesorabilmente, sfruttando la confusione in attacco delle giocatrici di casa. Il -7 di metà gara ben rappresenta l´andamento della stessa.

Nel terzo quarto le venete provano a mettere energia nella gara, per rientrare, ma vengono rimbalzate dalle giocate delle padroni di casa. Arriviamo così al finale grazie a Gaia Frigerio (´98) che mette due triple, Tunguz che recupera palloni dappertutto, Bassani che spacca in due la difesa, ma soprattutto teniamo tanto e bene in difesa, rendendo la vita alle ospiti molto difficile. Esse infatti chiudono a -5 il quarto, si portano a -3 più volte ma senza mai riuscire a impattare. E così, nel finale convulso, sono il 2/2 ai liberi ancora di Frigerio (´98) e la tabellata di Basa a regalarci questa seconda vittoria in una poule promozione che, inaspettatamente, ci vede al momento appaiate con Carugate.

Il coach: "Per l´ennesima volta: bene chi ha fatto canestro, ma bene anche e soprattutto chi non l´ha trovato (Casartelli e C.Pozzi x esempio) ma si è fatta un fondo a capanna per tenere in difesa, provarci sempre e comunque e regalarci i 2 punti. Solo così è possibile vivere serate come queste. La vittoria è dedicata alle 3 ragazze costrette a guardare dalla tribuna e alle tante atlete e atleti del settore giovanile presenti: spero che queste gare insegnino loro cosa significhi giocare per divertirsi, per provare a dare il meglio, senza preoccuparsi troppo di tutto quello che gira intorno alla disputa della gara, che alla fine è poco importante."

----------------

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il futuro dell'ex "Larius"? Guarda a Oriente: a Lecco apre Nima

Attualità

I 10 luoghi simbolo di Lecco più amati dai visitatori

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento