menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

NPO Olginate Gordon si conceda dai suoi tifosi vincendo 75 a 67 contro Opera

NPO saluta il pubblico del PalaRavasio alla sua maniera, mettendo in campo tanta velocità, intensità e precisione al tiro ritrovandosi contro i milanesi di Opera che solo una settimana fà hanno abbandonato il sogno dell'accesso ai Play Off.

NPO Gordon Olginate – Delta Line Opera: 75 – 67 (25-12; 39-23; 65-39)

NPO Gordon Olginate: Zambelli 3, Penci 4, Verlato, Tavola 6, Casati Luca ( Cap.) 2, Lanzani 1, Beretta 2, Riva 24, Casati Andrea 6, Casati Simone 27. All. Tritto Antonio

Delta Line Opera: Cappellari 6, Colombo, Sacca’ ne, Biganzoli 8, Scartezzini 10, Spirolazzi 13, Preli, Daverio 2, Fusella 9, Di Gianvittorio 19. All. Angeretti Cesare

Arbitri: Sig. Campana Gabriele; Colucci Lorenzo

Nel prepartita, si comprende che Olginate, ha voglia di concedarsi bene dal proprio pubblico per confermare tutto ciò di buono che ha fatto in questo campionato di Serie C a cui è approdata in punta di piedi da neopromossa.

Coach Tritto schiera il collaudato quintetto composto da Zambelli, Casati Andrea, Casati Simone, Riva, Beretta mentre Coach Angeretti contrappone Cappellari, Scartezzini, Spirolazzi, Fusella, DI Gianvittorio. La partezza e’ vivace e divertente con i quintetti che si affrontano senza timore e con concentrazione in cui rispondono colpo su colpo e al 4’ si e’ sull’ 8 pari. Ma da questo momento NPO GORDON decide di accelerare ed in 5’ mette il turbo grazie ad un ottimo Andrea Casati che spinge velocissimo confezionando 3 assist in altrettante azioni e Ivan Riva che diventa incontenibile (15 punti solo nella prima frazione) e con un break 17-4 si lanciano sulla prima sirena per il primo parziale di 25-12.

Nella seconda frazione NPO continua a macinare gioco e nonostante al 12’ Andrea Casati sia obbligato a sedersi in panchina per il suo 3 fallo i lecchesi al 14’ mantengono in scacco i forti milanesi e con il canestro di Tavola si e’ sul 30-13. Iniziano le rotazioni e la musica non cambia con un preciso Penci che mette il suo sigillo con due ottimi canestri e la sirena del riposo lungo il tabellone registra 39-23.

La terza frazione e’ spettacolare e si chiude sul +26 ed il parziale di 65-39, con Beretta che è sempre più padrone a rimbalzo (finirà con 15 rimbalzi) e con Simone Casati che ne mette 12 nel quarto su un bottino personale di 27 punti. Opera nel frattempo sembra frastornata e vede l’incubo dell’andata dove finì sotto di 32 punti.

Nell’ultimo quarto NPO allenta la morsa anche perchè coach Angeretti non ci sta e ordina ai suoi una difesa a tutto campo nel tentativo di accorciare le distanze ed il risultato si vede subito con un 7-0 sotto la spinta di Di Gianvittorio (il migliore dei milanesi con 19 punti) ma bastano altri 3’ minuti e i tre Casati in campo ne mettono 10 di punti e al 38’ sul 75-60 la partita è definitivamente chiusa ed il pubblico più iniziare a festeggiare questa positiva stagione di basket nel ricordo ancora una volta del grande “PIERO” che ci ha lasciato anzitempo.

A fine match la società NPO GORDON OLGINATE ed in particolare il Presidente Luca Bonacina hanno ringraziato tutti coloro che hanno contribuito a questa importante annata in cui ha riportato la squadra olginatese in un campionato di carattere nazionale ben figurando e riuscendo a competere con tutte le formazioni più quotate del torneo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Allegati

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Cos'è il lasciapassare per uscire dalla Lombardia e spostarsi tra regioni

Attualità

Le 10 meraviglie architettoniche da scoprire nel Lecchese

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento