menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Domenica a Lecco la finale di ritorno: «Possiamo rimontare Torino»

Dirigenti e giocatori concordano: il 2 - 4 si può ribaltare

«Torino non ci fa paura, verranno a giocare da noi e dovremo far capire loro che vogliamo ribaltare il risultato: ne abbiamo le capacità».

È questo, in sintesi, il pensiero dei dirigenti del Tennis Club Lecco che mercoledì sera hanno incontrato la stampa al ristorante "La Barrique" del circolo. Con il presidente Fosco Pierangelo e il direttore Paolo Arco, anche quattro giocatori della squadra di Serie B - Davide Pozzi, Ottaviano Martini, Andrea Casati e Lorenzo Frigerio - che domenica affronterà il Circolo della Stampa Sporting Torino nella finale di ritorno per la promozione in Serie A2.

La situazione è nota: i piemontesi partono dal 4-2 messo a segno in casa, sull'amica terra battuta, ma domenica si preannuncia un incontro profondamente diverso, a cominciare dalla superficie, il veloce Play.it indoor che favorisce le attitudini dei giocatori lecchesi.

«Stiamo vivendo un momento particolarmente felice e con il nostro club - ha commentato Pierangelo - Quest'anno abbiamo vinto tutte le partite disputate a Lecco e sono convinto che i ragazzi possano farcela: vederli così sereni e agguerriti, questa sera, mi infonde ulteriore fiducia».

«A Torino eravamo sotto 4-1, il doppio vinto in extremis è stato incredibile, in un'atmosfera per niente "simpatica" - ha spiegato Arco - Questo punto ci permette di essere ancora in vita nella finale, di potercela giocare. Sarà dura ma siamo convinti di avere ottime chance, vogliamo la promozione e giocare in casa il ritorno è comunque un vantaggio».

I ragazzi della squadra sono carichi, nonostante la delusione per il ko subito in Piemonte. Lorenzo Frigerio, imbattuto in questa stagione di Serie B con sei vittorie in singolare e cinque in doppio, è il più abituato a gestire la pressione di un match tanto importante, da vincere a ogni costo. «Ho parlato con i più giovani, da loro mi aspetto molto ma è normale che possano sentire un po' di tensione: spero si siano sciolti a Torino e ora, a Lecco, giochino come sanno. Siamo in forma, siamo più forti di Torino, possiamo ribaltare il risultato. Il pubblico sarà caldissimo e ci aiuterà, invito tutti a seguirci e a tifare».

Anche Davide Pozzi non ha paura, e i compagni Casati e Mar tini sono sulla stessa lunghezza d'onda: «Faremo capire a Torino che vogliamo vincere, sin dai primi due singolari».

All'incontro di mercoledì presente il consigliere comunale Roberto Nigriello, sempre più appassionato di tennis: «Vi auguro di entrare in campo e fare capire subito ai torinesi chi comanda - ha dichiarato ai ragazzi - Siete un'eccellenza, vi siamo vicini: forza Lecco».

Il match di domenica avrà inizio alle ore 10: quatt ro singolari e due doppi, con doppio di spareggio in caso di parità finale (6-6) in cui uno dei due giocatori dovrà essere necessariamente un prodotto del vivaio. Di certo non un problema per il Tennis Club Lecco.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Le cinque camminate per boschi e monti più belle nel Lecchese

Attualità

Lecco e la Lombardia da oggi tornano in zona arancione: in vigore nuovi divieti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento