menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Triathlon, la 3Life si fa gli auguri di Natale

Allo "Stendhal" di Oggiono l'ultimo saluto alla stagione che va in archivio

Cena di fine stagione per la 3Life che giovedì sera ha riempito il Ristorante-Pizzeria Stendhal di Oggiono per celebrare al meglio un 2015 ricco di soddisfazioni. Ancora una volta il sodalizio lecchese è riuscito a qualificare due suoi atleti a due diversi Mondiali, Stefano Prandini a quello IronMan 70.3 in Austria a fine agosto e l'indomito Claudio Oriana a quello IronMan di Kona, nelle isole Hawaii, a ottobre. Oltre a ciò tantissime altre gare in giro per il mondo, sia nel triathlon che nella corsa, portando in giro il nome dello sport lecchese.

«È stato un anno molto positivo» spiega il presidente della società Carlo Anghileri, «oltre ai due atleti che hanno conquistato il Mondiale ci tengo a sottolineare la stagione di Andrea Riva che a sua volta ha mancato la qualificazione per un solo posto. Sette di noi sono poi riusciti a portare a termine un IronMan e tra questi anche Luisa Scandola che era alla sua prima gara sulla distanza più dura. Con il 2016 il numero dei nostri tesserati crescerà ulteriormente, questo grazie all'ottimo lavoro di tutto lo staff supportato dagli sponsor, senza i quali non riusciremmo a portare avanti diverse iniziative come quella di pagare l'intera quota di partecipazione agli atleti che conquistano il Mondiale». 

Giovedì sera si sono anche concluse le votazioni per l'atleta dell'anno 3Life. Il riconoscimento è andato tra le femmine a Luisa Scandola e tra i maschi ad Andrea Riva. «Sono stata molto contenta della premiazione» spiega Luisa «perché è stato il coronamento di un 2015 ricco di soddisfazioni sportive, mi rendo conto che i miei risultati non siano niente in confronto alle imprese di altri compagni molto più forti ma nel mio piccolo sono riuscita in tutti gli obiettivi che mi ero prefissata. L'Ironman di Klagenfurt é stata una delle cose più emozionanti che io abbia mai fatto e, anche se ce ne saranno magari altri nei prossimi anni, resterà sempre un ricordo speciale».

Soddisfatto anche Andrea Riva: «ringrazio chi mi ha votato e ringrazio la società col presidente Anghileri in primis. È stata una stagione molto bella e ricchissima di soddisfazioni, la migliore senza dubbio da quando pratico triathlon. Sono riuscito ad esprimermi con continuità riuscendo a cogliere dei risultati che qualche anno fa erano solamente un sogno, in particolar modo i due podi assoluti nelle gare di Lecco e nel mezzo dell'Elba, il secondo posto di categoria al campionato italiano di triathlon medio e il terzo di categoria nell'olimpico di Zurigo. Sono stato un po' sfortunato a Pescara nella gara di qualificazione di Zell Am See ma quella è stata forse la gara che mi ha spronato a dare il massimo nelle successive e credo di essermi rifatto alla grande. Vorrei approfittarne per ringraziare il mio allenatore di nuoto della scorsa stagione Andrea Oriana e il mio allenatore Claudio Oriana che mi hanno sempre fatto arrivare in condizione ottimale agli appuntamenti importanti. Faccio i complimenti inoltre all'atleta dell'anno donna Luisa e a tutti i miei compagni di squadra che hanno raggiunto i loro obiettivi personali».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La nuova truffa corre su WhatsApp: casi anche nel Lecchese

Attualità

Cos'è il lasciapassare per uscire dalla Lombardia e spostarsi tra regioni

Attualità

Le 10 meraviglie architettoniche da scoprire nel Lecchese

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento