menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il presidente di Anaci Lecco Marco Bandini

Il presidente di Anaci Lecco Marco Bandini

Il grido di allarme di Anaci Lecco: «Il Senato vuole distruggere i condomini»

La norma approvata introduce la possibilità di svolgere l'assemblea condominiale in videoconferenza con il consenso della "maggioranza dei condòmini". Bandini: «Così non tutti potranno partecipare»

È stata approvata dal Senato una norma sulle assemblee condominiali on line che secondo Anaci lede gravemente i diritti di tutti i condòmini e, in particolare, quelli dei soggetti più fragili: anziani e famiglie meno abbienti. Un emendamento, approvato in prima lettura in sede di conversione del decreto legge sulle misure anti-Covid, introduce infatti la possibilità di svolgere l'assemblea condominiale in videoconferenza con il consenso della "maggioranza dei condòmini".

«Concordiamo con la decisa presa di posizione di Confedilizia - afferma il presidente di Anaci Lecco, Marco Bandini - Affermare che non è necessario il consenso di "tutti i condòmini" ma solo della "maggioranza" sarebbe come impedire a chi non in grado, o è comunque nell'impossibilità di utilizzare mezzi telematici, di partecipare alle riunioni di condominio. Così facendo si cancellerebbe in un sol colpo uno dei principi cardine dell'intera disciplina condominiale: la possibilità, per tutti gli aventi diritto, di partecipare all'assemblea per fornire il proprio contributo alla discussione e alla votazione. Non dimentichiamoci, per altro, che non necessariamente la
maggioranza dei condòmini è espressione della maggioranza dei valori millesimali dell'edificio: il rischio sarebbe che un gruppo di condòmini numeroso, ma rappresentativo complessivamente di pochi millesimi, potrebbe vincolare l'intera compagine condominiale».

Anaci Lecco e le recenti restrizioni: «Ancora a rischio le assemblee condominiali»

«Il condominio è una comunità e non una società, e un'assemblea condominiale non è un'assemblea societaria - continua Bandini - Si aprirebbe infatti un enorme contenzioso, che bloccherebbe qualsiasi decisione, rendendo impossibile lo svolgimento non solo dell'ordinaria attività condominiale ma anche di quella straordinaria, compresi, quindi, i lavori per il Superbonus del 110 per cento. Ci auguriamo - conclude - che si tratti di una svista e che il Governo prenda in mano la situazione, ascoltando le reali esigenze del mondo condominiale, così da porre rimedio a un evidente errore di valutazione».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il futuro dell'ex "Larius"? Guarda a Oriente: a Lecco apre Nima

Attualità

Lecco: lunedì 10 aprono le prenotazioni dei vaccini per la fascia 50-59 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento