menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Un’immagine tratta dall’ultima assemblea dei soci svolta in presenza. Da sinistra il presidente del Collegio Sindacale Giorgio Corti, il vice presidente Davide Rizzi, il presidente Giovanni Combi e il direttore generale Ivana Ciresa

Un’immagine tratta dall’ultima assemblea dei soci svolta in presenza. Da sinistra il presidente del Collegio Sindacale Giorgio Corti, il vice presidente Davide Rizzi, il presidente Giovanni Combi e il direttore generale Ivana Ciresa

Dalla Banca della Valsassina un aiuto concreto contro la disoccupazione: donati 35mila euro per "Aiutiamoci"

La cifra è stata versata sul conto della Fondazione Comunitaria del Lecchese

Fondi in sostegno di un settore, quello del lavoro, in difficoltà. Trentacinquemila euro per aiutare i lavoratori del territorio lecchese costretti alla disoccupazione dal prossimo sblocco dei licenziamenti. Un concreto aiuto per aiutare i lavoratori del nostro territorio ad uscire dalla crisi occupazionale. È quello deliberato dal Consiglio d’Amministrazione di Banca della Valsassina, istituto di credito cooperativo che ha nel Dna stesso del suo statuto lo scopo mutualistico.

E proprio nello spirito dell’“aiutare ad aiutare”, che la Banca della Valsassina ha devoluto questa donazione al fondo “Aiutiamoci - contrasto alle povertà”, creato e gestito dalla Fondazione Comunitaria del Lecchese.

Risorse per favorire l'incontro fra ospiti di Rsa e parenti: «Un vaccino contro la solitudine»

Il comitato d’indirizzo della Fondazione intende utilizzare questa somma («e proprio per questo la Banca ha dato subito il suo fattivo apporto all’idea») per un progetto da oltre due milioni di euro che coinvolgerà diversi attori provinciali nel tentativo di dare sollievo alla crisi occupazionale. Innanzitutto aiutando chi sta per perdere il posto di lavoro per le tante aziende che chiuderanno i battenti o ridurranno la loro forza lavoro.

«Orgoglio per tutto il territorio»

Essere uno dei primi tasselli di questo ampio e ambizioso progetto, «è un orgoglio valsassinese che riguarda tutto il territorio provinciale. Banca della Valsassina intende porsi, com’è nella sua vocazione, come intermediario tra bisogno e risposta alla necessità. Banca della Valsassina rimane in costante ascolto per intercettare le reali esigenze dei suoi clienti e della comunità nella quale e per la quale è nata».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Priscilla cerca casa: «È dolcissima»

Attualità

Il futuro dell'ex "Larius"? Guarda a Oriente: a Lecco apre Nima

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento