Attualità Via dell'Eremo

Coronavirus: Isst-Istat, a maggio a Lecco morti in crescita del 20,2%, dato più alto in Italia

Impatto dell'epidemia covid-19 sulla mortalità totale della popolazione residente nel periodo gennaio-maggio 2020

Dal -13,5% di Roma al +7,9% di Milano, ma anche passando dal +20,2% di Lecco. Scorrendo le tabelle del nuovo report Iss-Istat sull'impatto dell'epidemia di Covid-19 sulla mortalità totale della popolazione italiana nel periodo gennaio-maggio, colpiscono le differenze dei dati relativi a maggio nelle province italiane. L’eccesso di mortalità più accentuato nel mese di maggio 2020 si osserva nel Lecchese, comunque interessato da un'importante diminuzione della mortalità rispetto agli incrementi di marzo (185%) e di aprile (129%).

«La tendenza alla decisa diminuzione dei decessi, ravvisabile già dal mese di aprile in molte delle province ad alta diffusione dell'epidemia, si fa ancora più marcata nel mese di maggio», sottolinea il report. Una «drastica riduzione dell'eccesso di mortalità totale, misurato in termini di variazione percentuale rispetto allo stesso periodo del 2015-2019», anche «nelle aree che per prime sono state colpite più duramente dall'epidemia».

In particolare a Bergamo, città duramente colpita dal nuovo coronavirus, i decessi di maggio sono lievemente inferiori alla media del quinquennio precedente (-0,9%), dopo aver fatto registrare incrementi dell'ordine del 574% a marzo e del 126% ad aprile. 

Variazione  percentuale

Province

percentuale popolazione residente

Gennaio e febbraio Marzo Aprile Maggio Decessi gennaio- maggio 2020

Decessi covid gennaio-maggio 2020

Tasso di mortalità covid   standardizzato per 100.000 (a)

Alessandria

98,2

-12,4

93,4

84,0

6,5

3.486

464

79,2

Aosta

91,2

-9,0

60,9

74,3

-3,3

732

132

86,3

Asti

89,6

-13,5

40,9

84,3

9,9

1.392

181

58,1

Belluno

65,1

-8,9

20,8

18,3

-14,7

790

73

27,7

Bergamo

99,5

-6,4

573,6

125,7

-0,9

10.488

3.110

278,1

Biella

96,5

-8,9

85,7

85,6

12,7

1.394

151

57,2

Bologna

95,3

-7,9

23,1

51,1

2,5

5.486

666

49,0

Bolzano/Bozen

94,5

3,0

70,3

57,0

6,7

2.371

285

52,4

Brescia

99,7

-8,8

292,9

141,7

8,5

9.521

2.663

200,6

Como

97,6

-4,5

64,1

83,1

8,0

3.343

601

88,4

Cremona

99,8

-6,0

402,9

162,3

9,6

3.890

1.118

261,1

Genova

96,8

-14,1

57,0

72,3

7,7

6.115

886

69,3

Imperia

95,4

-16,3

66,9

53,5

-15,0

1.444

212

67,9

Lecco

98,5

-5,1

185,4

128,7

20,2

2.302

455

117,4

Lodi

99,4

-2,8

375,8

83,4

12,2

1.941

712

300,0

Mantova

96,5

-7,7

123,8

100,3

9,5

2.817

690

134,2

Massa-Carrara

93,0

-17,1

46,0

19,3

3,6

1.170

158

57,1

Milano

99,7

-6,3

98,5

106,3

7,9

18.676

4.084

109,1

Modena

97,8

-4,0

53,6

31,8

-6,0

3.583

462

55,1

Monza e della Brianza

98,2

-3,2

101,8

104,3

13,4

4.676

881

91,5

Novara

97,0

-8,3

77,5

84,1

17,8

2.309

279

63,0

Parma

99,5

-7,8

210,1

108,9

8,0

3.551

751

141,7

Pavia

97,1

-3,9

138,5

138,4

15,1

4.586

1.225

181,1

Pesaro e Urbino

95,4

1,3

124,9

70,9

6,0

2.345

510

113,7

Pescara

97,6

-4,7

34,1

31,7

0,5

1.650

237

62,8

Piacenza

100,0

-10,4

273,3

107,8

15,9

2.812

964

261,1

Reggio nell'Emilia

93,7

-5,5

80,3

71,0

-3,6

2.849

567

93,0

Rimini

95,7

-1,0

69,6

46,6

8,5

1.718

238

59,7

Savona

99,7

-15,3

39,9

46,1

0,1

1.929

238

55,0

Sondrio

100,0

-3,6

78,1

95,0

0,2

1.199

205

97,8

Torino

96,8

-8,4

41,7

68,0

-11,1

12.626

1.278

44,7

Trento

92,4

-4,4

68,5

83,9

7,4

2.686

372

60,4

Trieste

100,0

-2,0

18,8

41,5

-7,9

1.630

189

52,3

Verbano-Cusio-Ossola

94,0

-13,3

49,6

71,3

-8,6

962

97

46,8

Vercelli

92,7

-14,1

94,5

77,4

3,8

1.264

114

48,8

Verona

94,5

-0,4

36,4

52,0

4,2

4.380

545

51,0

Fonte: Istat. Base dati integrata mortalità giornaliera comunale, Iss registro sorveglianza Covid-19

(a) Tasso standardizzato di mortalità: aggiustamento del tasso di mortalità che permette di confrontare popolazioni che hanno distribuzione per età tra loro diverse. Il metodo di standardizzazione diretto per età è quello più utilizzato e consiste nel sommare i tassi che sono calcolati per ogni specifico gruppo di età su una popolazione di struttura standard in questo caso la Popolazione Italiana al Censimento 2011.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus: Isst-Istat, a maggio a Lecco morti in crescita del 20,2%, dato più alto in Italia

LeccoToday è in caricamento