menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Giuseppe Conte, Presidente del Consiglio dei Ministri italiano

Giuseppe Conte, Presidente del Consiglio dei Ministri italiano

Coronavirus, il testo del nuovo decreto

Conte ha firmato il Dpcm con le nuove misure restrittive per contenere l'epidemia di Covid-19

Il premier Giuseppe Conte ha firmato il Dpcm con le nuove misure restrittive per contenere l'epidemia di Covid-19, valide fino al 25 marzo.

Coronavirus, negozi chiusi in tutta Italia (tranne alimentari e farmacie) 

Coronavirus, il testo del nuovo decreto

Disposta la chiusura di tutti i negozi in tutta Italia per limitare gli spostamenti e le occasioni di contatto delle persone. Resteranno ovviamente aperti i negozi di generi alimentari e farmacie, così come tabaccai, pompe funebri, lavanderie ed edicole. Saranno inoltre garantiti i trasporti e i servizi essenziali come banche e poste. Aperti anche benzinai e meccanici, così come sarà consentito il lavoro ad artigiani, idraulici "perché servizi essenziali".

Quali sono i negozi chiusi (e quelli che restano aperti)

Come già sperimentato con successo nella zona rossa del lodigiano, tutte le attività "non necessarie" avranno le serrande abbassate. Una vera e propria quarantena durante la quale gli italiani dovranno limitare gli spostamenti a spesa, necessità e salute.

Conte ha incoraggiato le aziende a disporre lo smart work per i dipendenti, o il ricorso alle ferie o congedi. Fabbriche e industrie sono invitate a chiudere i reparti non indispensabili.

Garantiti i trasporti e servizi bancari, postali e di pubblica utilità. Così come potranno continuare a lavorare le aziende agricole e zootecnice nel rispetto delle normative igeniche sanitarie.

Le disposizioni adottate valgono per due settimane, ma come spiegato da Conte, non è escluso che la quarantena possa continuare più a lungo. Come mostrano gli ultimi dati della protezione civile la curva del contagio in Italia è in continua crescita. Pertanto le misure decise dal Governo necessiteranno di tempo perché possano fare effetto. 

L'annuncio arriva poche ore dopo che l'Oms ha dichiarato che l'epidemia di Coronavirus è diventata una pandemia con una diffusione incontrollata in tutto il mondo. 

Coronavirus, i negozi aperti e i servizi garantiti

Saranno garantiti trasporti, servizi bancari, finanziari e postali, "nonché tutte quelle attività necessarie accessorie rispetto al corretto funzionamento dei settori rimasti in attività". Potranno continuare a lavorare le aziende agricole e zootecnice "comprese le filiere che offrono beni e servizi rispetto a queste attività". Resteranno aperte le farmacie, i supermercati, i negozi alimentari, mentre fabbriche e industrie sono invitati a chiudere i reparti non indispensabili. Saranno garantiti tutti i servizi di pubblica utilità. 

"Per quanto riguarda le attività produttive e professionali - ha detto il premier nel suo discorso -, va attuata il più possibile la modalità del lavoro agile, vanno incentivate le ferie e i congedi retribuiti per i dipendenti".

Restano aperte edicole, tabacchi e benzinai

Secondo quanto comunicato da Palazzo Chigi edicole aperti e stampatori resteranno aperti. Aperti anche tabacchi, benzinai, artigiani, idraulici e meccanici. Il governo ha reso noto che resta consentita la consegna a domicilio. 

Coronavirus, quali sono le attività che chiudono

A chiudere sono tutte le attività commerciali e vendita al dettaglio. Serrande abbassate per tutti i negozi che non vendono beni di prima necessità. Chiusi bar, pub, ristoranti, parrucchieri, centri estetici, servizi di mensa che non garantiscono la distanza di sicurezza di 1 metro di sicurezza. Conte ha incoraggiato le aziende a disporre lo smart work per i dipendenti, o il ricorso alle ferie o congedi. 

A breve sarà noto il Dpcm con la nuova stretta per contenere il Covid-19.

Allegati

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La nuova truffa corre su WhatsApp: casi anche nel Lecchese

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento