Lecco: celebrata, in forma ridotta, la nascita della Repubblica Italiana

Il 2 Giugno 1946 iniziavano le votazioni per scegliere la forma di governo. Le massime cariche istituzionali hanno presenziato al momento nel centro della città

Il Prefetto Michele Formiglio legge il messaggio del Presidente Sergio Mattarella

Come da programma, piazza Cermenati ha ospitato la cerimonia del 2 Giugno, avvenuta in forma ridotta. Settantaquattro anni fa, per la prima volta a suffragio universale maschile e femminile, i cittadini votavano per la nascita della Repubblica Italiana, forma di governo che sostituì la monarchia ed è attualmente in vigore. Le massime cariche istituzionali della città capoluogo e della provincia hanno presenziato per l'alzabandiera avvenuto sul Lungo Lario Isonzo, che ha anticipato la lettura del messaggio del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, recitato dal Prefetto di Lecco Michele Formiglio.

2 giugno 2020: il programma dei festeggiamenti

  • ore 10.30
    in Lungo Lario Isonzo, avrà luogo la Cerimonia dell’Alza Bandiera
  • ore 10.40
    Il Prefetto di Lecco darà lettura del messaggio del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.
  • ore 17.00
    Ammainabandiera

L'intervento integrale di Brivio sul 2 giugno

«Ormai non c'è più festa o festività la cui celebrazione non debba essere declinata con il tempo presente. Ed è giusto richiamare il contesto attuale, a condizione che non si perda l'originaria ispirazione. Ciò vale quando si parla di Costituzione, del 25 aprile e di altri appuntamenti della storia più o meno recente. 

Martedì 2 giugno è la Festa della Repubblica, cioè il riconoscimento della nostra forma di Stato, delle garanzie di libertà e di democrazia, dell'impianto che è riuscito da un contrastato referendum popolare. La cronaca di questi ultimi trent'anni si è incaricata di appellare numericamente il profilo della Repubblica, la prima, la seconda e persino la terza. Tendo a considerarli risvolti di opinione più che connotazione istituzionali. In altre parole più una rappresentazione, che una presentazione di un modello democratico, che nei suoi principi nelle sue fondamenta si richiama a quel giugno di 74 anni fa.

In questo momento, con l'emergenza sanitaria in atto, non si può parlare in astratto, ma piuttosto cogliere il valore della nostra democrazia repubblicana che ci permette, al di là del confronto e dello scontro, di vivere in un paese di garanzie, laddove lo Stato, con tutti suoi limiti, resta un presidio ineliminabile.

Ma come può una Repubblica che pure ha superato prove laceranti come il terrorismo, come i processi giudiziari, come decine di calamità devastanti, reggere ancora nel terzo millennio? Interventi per modificare alcuni assetti non solo sono necessari, ma urgono e proprio il confronto tra i poteri, più acuto in queste settimane, sta lì a testimoniare, come la più parte dei costituzionalisti sostiene, che siamo una democrazia incompiuta. Ma ponendoci per un attimo dalla parte del cittadino credo proprio che il richiamo drammatico del presente ci rende ciascuno responsabile di una riscrittura della dialettica diritti-doveri. Pensiamo alla compressione dei diritti individuali in questo lockdown per assolvere il dovere costituzionale di solidarietà.

Sono le stagioni, i lustri, i decenni di magra a farci capire che possiamo fidarci dello Stato se ci fidiamo noi stessi l'uno dell'altro. Troverei davvero sprecato questo tempo buio se non cercassimo, insieme a una nuova luce, di salute, di lavoro, di benessere, di cogliere le profonde disuguaglianze che caratterizzano il mondo a ogni latitudine. Non so se il coronavirus ci cambierà, ma di sicuro posso dire che non è l'idea di cambiare tutto che ci porterà lontano, ma l'impegno che ciascuno di noi faccia di tutto per cambiare qualcosa!»

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Virginio Brivio

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sparatoria a Olginate, morto l'uomo colpito nell'agguato

  • Sparatoria di Olginate, Passoni: «Parenti della vittima in collera, ma serve mantenere la calma»

  • Dove gustare un buon aperitivo a Lecco

  • Agguato a Olginate, esplosi colpi di pistola: uomo in condizioni gravissime

  • Everesting completato! Diciassette ore e quarantuno minuti tra Valmadrera e Pianezzo, l'impresa di Butti e Ciresa

  • Retata antidroga nei boschi a lato della Statale: recuperati soldi e dosi di stupefacenti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccoToday è in caricamento