rotate-mobile
Attualità Costa Masnaga

Il boom di Michele: in crisi per il covid, si trasforma in uno youtuber di successo

Il masnaghese Molteni spopola sulla piattaforma: l'ultimo suo lavoro, che richiama la serie "Squid Game", è stato secondo in tendenza nazionale: "Sfondare è possibile. Ora guadagno di più che con la mia attività"

Sono in troppi a provarci. Youtube non paga. Trovati un lavoro vero. Sono solo alcuni dei luoghi comuni che chi produce video è costretto a incassare. Ma la verità è che il successo è possibile. Per conferma basta chiedere a Michele Molteni, 32enne di Costa Masnaga, imprenditore che nel momento maggiore di crisi, a causa della pandemia da Covid-19, è letteralmente esploso sulla piattaforma di condivisione video.

Fortuna? No. Michele ha messo a disposizione degli utenti la sua competenza, oltre al talento nel confezionare i contenuti (con un montaggio basato su ritmo e tagli continui) e nell'apprendere un "linguaggio" (sbarazzino e diretto) in grado di spopolare. I risultati sono sotto gli occhi di tutti: 275mila iscritti al canale, video che raggiungono centinaia di migliaia di visualizzazione, l'ultimo (sotto) in grado di arrivare secondo in tendenza nazionale. E soprattutto un guadagno certo, utile a sostenere i mancati introiti derivati dalla crisi.

Michele di professione è imprenditore, attivo nel settore di vendita e noleggio di articoli sportivi e per eventi. Il covid, come accaduto a tanti, lo ha messo in ginocchio. "Nel 2020 ho rischiato di chiudere la Srl - racconta a Lecco Today - Ero partito vendendo un calcio balilla per arrivare a fatturare 180mila euro all'anno, ma dodici mesi fa il fatturato è precipitato a 15mila a causa dei vari periodi di lockdown. Non essendoci eventi, nessuno noleggiava più. Così mi sono dedicato anima e corpo ai video, passione che ho sempre coltivato. Il canale era attivo dal 2018, con ben pochi iscritti".

L'esplosione durante il lockdown

Il giovane brianzolo ha unito la sua competenza nel costruire cose a quella di abile montatore. "Ho iniziato a proporre filmati per il 'fai da te' e ho avuto la fortuna che tutti fossero a casa - spiega - Il risultato è stato un vero e proprio boom: ad aprile 2020 il canale è decollato con 60mila iscritti e un introito di qualche migliaia di euro. In quel momento ho capito che poteva diventare un lavoro e ci ho creduto".

Michele ha così iniziato a proporre quattro o cinque video al mese, lavorandoci giorno e notte: un'attività dura, contrariamente a quanto molti possano pensare, perché oltre a fare ciò che si vede nei video, ovvero lavori complessi, lunghi e faticosi, lo youtuber deve trascorrere ore e ore sul computer a montare il filmato e renderlo accattivante per gli spettatori. "Faccio tutto da solo - prosegue Molteni - Il mio canale è incentrato sul costruire cose, inoltre parlo di business partendo dalla mia esperienza personale: sono i due settori all'interno dei quali mi muovo".

Alle spalle dei The Jackal

Da attento osservatore, il 32enne si sta concentrando sul fenomeno del momento, Squid Game; ha così proposto una serie di divertenti video in cui riproduce le strutture dei giochi della popolare serie Netflix. L'ultimo ha raggiunto 190mila visualizzazioni in poco più di 24 ore, schizzando al secondo posto della tendenza nazionale alle spalle di un colosso come i The Jackal.

"Quando, nel 2018, avviai il canale, non avrei mai pensato di superare i mille iscritti - rivela - I risultati che sto ottenendo sono incredibili e fungono da stimolo. Youtube mi ha salvato. Ho ancora la mia attività, ma ormai il mio lavoro principale è questo e dà grandi frutti. Agli youtuber che fanno fatica dico: non mollate, perseverate e studiate quello che funziona per prendere ispirazione". Obiettivi futuri? "Sono molto ambiziosi, però ormai sono in ballo: 300mila iscritti a fine anno, 500mila l'anno prossimo, un milione nel 2023". Michele è sveglio, ha un modo di porsi "fresco" e diretto, piace alla gente: il tempo potrà dargli ragione.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il boom di Michele: in crisi per il covid, si trasforma in uno youtuber di successo

LeccoToday è in caricamento