Il settore edile in campo nella lotta al Covid-19: donazione di 80.000 Euro

L'iniziativa sarà attuata dal Sistema bilaterale edile di Lecco, Como, Sondrio e Varese per sostenere chi è in prima linea nell'emergenza

Una donazione di 80.000 Euro per sostenere la lotta al Coronavirus. Le Parti Sociali del settore delle costruzioni dei territori di Como, Lecco, Sondrio e Varese, vista l’emergenza sanitaria causata dal Covid-19 che ha colpito tutta l’Italia e in particolare la Lombardia, hanno deciso di sostenere la cittadinanza fornendo il proprio contributo attraverso la donazione di un importo pari a 80.000 euro. L'iniziativa porta in particolare la firma di: Ance Como, Ance Lecco-Sondrio, Ance Varese, Confartigianato Imprese Como, Confartigianato Imprese Lecco, Confartigianato Imprese Sondrio e Confartigianato Imprese Varese, Cna Como, Cna Lecco, Cna Varese, Feneal-Uil Alta Lombardia, Filca-Cisl dei Laghi, Filca-Cisl Sondrio, Fillea-Cgil Como, Fillea-Cgil Lecco, Fillea-Cgil Sondrio e Fillea-Cgil Varese.

«La donazione di 80.000 euro, da effettuarsi per il tramite del Sistema bilaterale dell’edilizia e segnatamente delle Casse Edili, da sempre in prima linea nel fornire assistenza e supporto ai propri iscritti, prevede quattro interventi suddivisi per territorio d’appartenenza - spiegano le Presidenze delle Casse Edili di Como e Lecco, di Sondrio e di Varese - Uno a sostegno della Protezione Civile locale per la provincia di Como, un altro a favore dell’Onlus NonLasciamoIndietroNessuno con specifico riferimento all’ospedale Manzoni per la provincia di Lecco, un terzo legato alla Fondazione proValtellina Onlus di Sondrio e provincia per l’ospedale di Sondalo ed infine un quarto in aiuto dell’unità operativa di Medicina dell’ospedale di Gallarate per la provincia di Varese».

"Aiutiamoci": la raccolta fondi per gli ospedali lecchesi tocca quota 2,6 milioni

Le Associazioni Datoriali e le Organizzazioni Sindacali edili hanno condiviso in totale unità d’intenti l’importanza di un intervento concreto e fattivo in questo momento così difficile per il Paese, per i suoi cittadini e, in particolare, per la sanità messa a così dura prova da un evento totalmente inaspettato.

«Le Casse Edili, proprio per il loro ruolo di mutualità ed assistenza, rappresentano lo strumento ideale per portare il contributo del settore delle costruzioni alla lotta al coronavirus e per dare un forte segnale di unità e coesione sociale. Insieme ce la faremo - proseguono in una nota stampa le Presidenze delle Casse Edili di Como e Lecco, di Sondrio e di Varese - Le Casse Edili di Como e Lecco, di Sondrio e di Varese, che insieme contano oltre 18.000 lavoratori in forza a 4.000 imprese, da 90 anni svolgono un ruolo di rilievo nell'assicurare ai lavoratori una parte importante del trattamento economico derivante dal contratto di lavoro e nel garantire loro sussidi e prestazioni integrative sul piano previdenziale e assistenziale, estesi anche ai familiari, stando costantemente a fianco delle imprese e supportandole nel corretto adempimento degli obblighi normativi e contrattuali, combattendo ogni forma di elusione ed evasione contributiva a tutela delle maestranze e della leale concorrenza».

Iniziata la distribuzione di mascherine alle strutture socio-sanitarie e assistenziali del territorio

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Giù le mani dalle mogli degli altri»: sui muri bellanesi insinuazioni contro il maresciallo

  • Lecco celebra il patrono San Nicolò

  • Covid, Lombardia verso l'entrata in "zona gialla": cosa cambia

  • Lecco si sveglia in zona arancione: ecco cosa cambia dalla "rossa"

  • Due incidenti distinti alla stessa ora lungo la Statale 36, deceduto un 56enne

  • De Capitani: «Il Dpcm sul Natale divide l'Italia in due. Voglio vedere chi avrà il coraggio di multare»

Torna su
LeccoToday è in caricamento