Lavori alla scuola di San Gottardo, bambini a casa due giorni in più a Carnevale

Al via l'ampliamento della primaria di Torre De' Busi che resterà chiusa il 26 e 27 febbraio per l'avvio del cantiere. Il sindaco Eleonora Ninkovic: «Verranno realizzate nuove aule, bagni e mensa. L'edificio sarà più moderno e sicuro»

Eleonora Ninkovic, sindaco di Torre De' Busi.

Al via il primo lotto di lavori della scuola di San Gottardo a Torre De' Busi. Con la sottoscrizione del contratto di appalto siglata entra nel vivo l'atteso intervento di riqualifica, ammodernamento e ampliamento della primaria. E settimana prossima, in particolare mercoledì 26 e giovedì 27 febbraio, la scuola resterà chiusa per permettere lo svolgimento in sicurezza delle prime opere relative all'apertura del cantiere. Venerdì 28 bambini e insegnanti saranno già a casa per la festa di carnevale, e quindi salteranno sostanzialamente tre giorni di lezione con rientro lunedì 2 marzo dopo il week end. Ad annunciarlo è il sindaco di Torre De' Busi Eleonora Ninkovic che ha firmato oggi l'ordinanza di momentanea chiusura per due giorni della primaria di San Gottardo, ricordando costi e obiettivi dell'intervento pubblico, finanziato per 735.000 Euro dal ministero (contributo mututo Bei anno 2017 per l'edilizia scolastica) e per altri 400.000 Euro dal Comune. La spesa totale sarà dunque di 1.135.000 euro.

Ladri in azione in valle San Martino: spaccato un muro a picconate per rubare anche la cassaforte

«Questo primo lotto di opere prevede la demolizione dell'attuale mensa che è adiacente all'edificio principale e la costruzione del nuovo edificio di due piani - spiega Eleonora Ninkovic - Al piano terra verranno realizzati la nuova mensa, i bagni  e i ripostigli, mentre al livello rialzato troveranno posto altre cinque aule e ulteriori servizi per gli studenti. Il nuovo edificio avrà dunque a disposizione più spazi, sarà moderno e rispetterà tutti i più recenti requisiti sismici di sicurezza. Secondo l'attuale decreto ministeriale i lavori devono essere eseguiti entro ottobre 2020. Il nostro Comune aveva partecipato nel 2015 al Bando Nazionale Edilizia Scolastica - ricorda inoltre il sindaco - Eravamo riusciti a entrare nella graduatoria 2017, finanziata al 100%. A causa della caduta del Governo e poi delle elezioni in Regione, la graduatoria che doveva essere pubblicata a dicembre 2017 era rimasta nel limbo fino a tutto l'iter pre e post elezioni politiche e regionali, e solo nel gennaio 2019 il decreto ministeriale ha ottenuto l'approvazione della Corte dei Conti e del Mef, venendo così pubblicato in Gazzetta Ufficiale. Avevamo poi dovuto attendere l'insediamento del Consiglio comunale e lo scorso mese di giugno siamo usciti con la gara curata in ogni dettaglio visto anche l'importo elevato. Abbiamo rispettato tutte le procedure del Codice degli Appalti e l'iter amministrativo si è concluso con l'aggiudicazione definitiva a dicembre - conclude il primo cittadino - Ieri c'è stata la firma dei contratti con la consegna del cantiere, o meglio, dell'edificio dove verrà allestito il cantiere».

L'impresa incaricata

L'impresa che porterà avanti le opere del primo lotto della primaria di San Gottardo è la Benis Costruzioni Snc di Telgate, in provincia di Bergamo. L'Amministrazione ha dunque deciso di puntare con forza sul potenziamento della scuola, partecipando anche al successivo bando 2018-2020 per la sistemazione e l'ammodernamento del primo edificio. Ora il Comune di Torre è in graduatoria e in attesa di novità in merito.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia nel Comando della Polizia Locale: colpo di pistola, muore un giovane agente

  • Tragedia a Valgreghentino: giovane giardiniere muore travolto da un escavatore

  • Emergenza Covid: a San Girolamo chiese chiuse e Padri Somaschi in quarantena

  • Oggi a Villa San Carlo i funerali Ugo Gilardi, «Un ragazzo d'oro»

  • Lecco si sveglia in zona arancione: ecco cosa cambia dalla "rossa"

  • Regione Lombardia, Fontana conferma: «Da domenica saremo in "zona arancione". No al "liberi tutti"»

Torna su
LeccoToday è in caricamento