Cronaca

Dieci anni fa si spegneva Ambrogio Fogar, il leggendario esploratore

La vita, le missioni e la televisione: sempre instancabile, sempre sorprendente

Si spegneva dieci anni fa, la notte tra il 23 e il 24 agosto, Ambrogio Fogar.

Il grande esploratore, navigatore, scrittore e conduttore televisivo italiano ha sempre vissuto ogni giorno al 100%, anche dopo il grave incidente nel rally di Pechino che l'ha costretto in sedia a rotelle a respirare tramite una macchina.

Le sue avventure sono diventate leggenda e rimarrano per sempre scolpite nell'immaginario di ogni italiano.

Insieme all'amico Mauro Mancini è sopravvissuto ad un naufragio al largo delle isole Falkland, nell'Atlantico meridionale, nutrendosi di mitili attaccati alla zattera e bevendo acqua piovana per 74 giorni. Si è poi lanciato in solitaria alla conquista del Polo Nord, accompagnato solo dal cane, e ha rischiato la morte più volte per la deriva della banchisa.

Ma i mari tropicali e le gelide acque settentrionali non bastavano all'eroe, che ha deciso di imporsi anche sul deserto: tre i Rally dei Faraoni a cui ha partecipato, e altrettante le edizioni della Parigi-Dakar a cui ha preso parte.

Proprio la nuova scoperta della passione per i motori, che in precedenza non teneva in gran considerazione, ha portato l'avventuriero milanese alla grande tragedia del raid automobilistico Pechino-Parigi. Durante una curva il fuoristrada su cui si trovava insieme al compagno Giacomo Vismara si è rovesciato, provocando la frattura della seconda vertebra cervicale e di conseguenza la quasi totale paralisi e le insufficienze respiratorie che lo perseguiteranno per il resto dei suoi giorni.

Indomito, ha continuato a partecipare attivamente, per quanto possibile, al mondo dell'avventura mondiale: ha preso parte al giro d'Italia in barca a vela, munito di una sedia a rotelle basculante. Il suo impegno nel sociale si è accresciuto col tempo, portandolo in prima linea nella crociata di Greenpeace contro la caccia alle balene e spingendolo a diventare testimonial per la raccolta fondi dell'associazione miolesi. Tra gli innumerevoli posti visitati nell'incessante peregrinare, è passato accompagnato dagli apparati che ne consentivano il movimento e la sopravvivenza stessa anche a Lecco e in Valtellina, per promuovere sempre e comunque una visione attiva della vita.

Lo ricordiamo oggi, a dieci anni dalla morte, attraverso l'indimenticabile sigla dello show televisivo di cui era conduttore, "Jonathan - dimensione avventura", sicuri che molti di voi lo ricordino con piacere e nostalgia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dieci anni fa si spegneva Ambrogio Fogar, il leggendario esploratore

LeccoToday è in caricamento