menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La porta rotta dai vandali

La porta rotta dai vandali

Ballabio, vandalismo in paese: rotti i vetri alla sede della Pro Loco 

Consonni alle famiglie: «Quando questi balordi verranno arrestati scatteranno le richieste di risarcimento»

Un episodio di vandalismo si è verificato a Ballabio nella notte tra sabato e domenica. Dei teppisti hanno infranto i vetri della porta e della finestra della Pro Loco, situata all'inizio della via Confalonieri. Il gesto appare come vandalismo fine a sè stesso, in quanto la finestra è protetta da una inferriata, rompere il vetro non avrebbe - quindi - consentito di introdursi all'interno.

Il sindaco lancia un appello ai genitori. «Un nuovo atto di vandalismo - afferma Alessandra Consonni - si è verificato in paese, si presume ad opera dello stesso gruppetto di ragazzi che sarebbe responsabile di una serie di analoghi episodi di stupidità, compiuti di notte negli ultimi tempi sempre lungo la via Confalonieri, tra cui l'inversione della segnaletica alla rotonda, la rottura di uno specchio stradale, il rovesciamento di bottiglie del latte depositate dal fornitore presso una attività commerciale, l'irruzione nel deposito di una cooperativa, l'abbattimento di un cartello stradale, il lancio nel torrente dei sacchetti contenenti le deiezioni canine... Gesti da bambocci con evidenti problemi psicologici che, in realtà, costituiscono dei veri reati e causano danni economici. Ci rivolgiamo, pertanto a quei genitori consapevoli di avere figli in situazioni di disagio perchè, come dovere, verifichino le loro uscite notturne: quando questi balordi verranno arrestati scatteranno le conseguenze penali e le relative richieste di risarcimento per le loro reiterate imprese».

«Non intendo sottovalutare - conclude il sindaco - questi fatti. Nei primi 8 mesi di quest'anno i reati contro il patrimonio sono nettamente diminuiti a Ballabio. Adesso vogliamo sradicare anche il fenomeno dei vandalismi che, negli anni passati ha colpito pesantemente il nostro paese, basti pensare al sabotatore seriale di pneumatici o alla completa devastazione degli arredi sul sentiero del gasch: se sarà necessario, faremo partire quanto prima una squadra anti degrado, sul modello di quelle del Comune di Milano, per prevenire e constatare questi episodi».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La nuova truffa corre su WhatsApp: casi anche nel Lecchese

social

"Lol chi ride è fuori": il programma è già diventato un tormentone

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento