menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lecco, in via Previati inaugurato il Polo di ricerca del Consiglio nazionale delle ricerche

Cresce il campus universitario lecchese; il polo del Cnr farà anche ricerca per le aziende

Una giornata che segna un nuovo corso nella crescita di Lecco e del territorio dal punto di vista della ricerca e dello sviluppo: nella mattinata di oggi 14 maggio è stato inaugurata la nuova sede del polo lecchese del Consiglio nazionale delle ricerche, collocata all'interno del campus del Politecnico di via Previati.

Presenti alla cerimonia di inaugurazione, assieme al Rettore del Politecnico di Milano, Giovanni Azzone, e al Presidente del Cnr, Luigi Nicolais, anche il Governatore della Lombardia, Roberto Maroni, e le autorità del territorio.

In una Aula magna gremita,  il Rettore ha ricordato come la decisione di collocare il polo del Cnr nello complesso che ospita l'università sia una grande opportunità per gli studenti, che avranno modo di svolgere attività di ricerca direttamente all'interno del campus, e ha sottolineato come il percorso di integrazione tra università e ricerca sia dipeso anche dalla collaborazione fra le istituzioni lecchesi: «A Lecco c'è una forte coesione - ha detto Azzone - indipendentemente dal colore politico, si collabora tutti per lo sviluppo del territorio».

Il Rettore ha anche espresso la propria felicità personale per aver visto il completamento dei lavori, e non solo l'avvio del progetto, complimentandosi con gli operatori dell'edilizia lecchese che hanno terminato i lavori in tempi brevi.

«Abbiamo voluto mettere insieme il Politecnico e il Cnr - ha spiegato Luigi Nicolais nel suo intervento - perché significa mettere insieme due eccellenze e creare un ambiente di produzione della conoscenza, con l'auspicio che il "sistema Lecco", come il "sistema Italia" faccia uso pratico di questa conoscenza». Il Presidente del Consiglio nazionale delle ricerche ha aggiunto come la scelta di Lecco abbia anche valore simbolico: «Se dobbiamo reindustrializzare l'Italia, quale posto migliore della Lombardia, con la sua storica vocazione industriale?»

Durante la mattinata è intervenuto anche Vico Valassi nella veste di presidente di Univerlecco, l'associazione impegnata nella promozione dell'alta formazione sul territorio, il quale ha evidenziato come la presenza del Cnr a Lecco sia il frutto do una collaborazione positiva di tutti i soggetti che costituiscono il "sistema Lecco", ovvero istituzioni pubbliche, enti privati, associazioni e professionisti, uniti nel comune obiettivo di promuovere la conoscenza e la sua applicazione: «I 7 laboratori presenti nel polo di ricerca saranno attivi solo da settembre  ha spiegato Valassi - ma in questi mesi il dialogo con le aziende permetterà di mettere le basi per fare anche ricerca applicata, e non solo teorica».

L'apprezzamento per il progetto di polo di ricerca a Lecco è arrivato anche dal Presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi, tramite una lettera inviata a Valassi e Nicolais: «Lecco è da sempre una terra di eccellenza e ricca di spirito d'impresa», ha scritto Squinzi.

Anche il Presidente della Provincia, Flavio Polano, e il Sindaco di Lecco, Virginio Brivio, sono intervenuti ribadendo l'importanza del nuovo polo di ricerca: «È un ulteriore elemento nel "sistema Lecco" che mette al centro l'importanza del capitale umano, il cui valore è fondamentale nel territorio», ha commentato Polano, mentre Brivio ha aggiunto come il prossimo passo sarà la riapertura di via Ghislanzoni e ribadito l'impegno a farne «non solo una strada di passaggio, ma la piazza della ricerca, della formazione e della multietnicità positiva, come dimostrano gli studenti stranieri che ogni anno si iscrivono ai corsi del Politecnico».

A conclusione è intervenuto Roberto Maroni, Governatore della Lombardia, che ha posto l'accento sulla naturale vocazione della regione alla ricerca e all'innovazione, ribadendo la volontà di arrivare a investire in questo campo il 3% del Pil lombardo: «Voglio portare la Lombardia a diventare un polo di eccellenza nella ricerca in Europa» ha aggiunto Maroni, ricordando come sia importante che la ricerca abbia una ricaduta positiva sulla competitività dei territori.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Verso il nuovo Dpcm del governo Draghi: ecco cosa cambierà

Attualità

Quando farò il vaccino? Il sito che calcola quanto dovrai aspettare

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento