Insegue tre caprioli con lo scooter sul ponte di Ganda e li filma mentre cadono nell'Adda

È accaduto a Morbegno. Polemiche dopo che il video dell'inseguimento è stato pubblicato su Facebook

Un frame del video diffuso sui social network

Sta facendo discutere e non poco un video postato nelle ultime in rete da un utente di Morbegno dove si vedono tre caprioli inseguiti da un uomo in scooter durante la notte. Un inutile inseguimento ai tre animali sull'asfalto della strada provinciale numero 4 che dalla frazione di Campovico conduce verso il celebre ponte morbegnese di Ganda.

Una rincorsa notturna conclusasi con il salto nell'Adda di uno dei tre caprioli inseguiti direttametamente dall'apice del ponte di Ganda. Un volo di almeno 25 metri che per fortuna non dovrebbe aver ferito l'animale, nonostante il basso livello dell'acqua nel greto del fiume, visto che riesce ad allontanarsi nell'acqua da chi lo stava inseguendo.

Il video su SondrioToday.it

Reazioni social

Non ha certamente gradito l'opinione pubblica di Facebook, colpita dalla sciocca decisione di rincorrere e spaventare inutilmente gli animali. Tanti gli utenti sdegnati dalle immagini tanto che qualcuno ha persino proposto di denunciare i colpevoli del gioco notturno.

Duro il commento della Lega Italiana Difesa Animali e Ambiente (Leidaa) di Sondrio sulla sua pagina Facebok: «La demenza non ha limiti, la cattiveria pure. Siamo a Morbegno e qualche cretino si è divertito a inseguire i poveri cervi con una moto per poi farli finire nel fiume. Bisogna far sì che questo imbecille venga allo scoperto».

L'uomo che ha pubblicato il video ha negato di esserne il protagonista.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lecco celebra il patrono San Nicolò

  • Crandola Valsassina: trovato morto nella vasca da bagno Vittorio Galluzzi

  • Scompare dopo la festa dei coscritti: ore di angoscia per Nicola Scieghi, si cerca nell'Adda

  • Gli occhi della Prefettura sul "Cermenati": messi i sigilli con "un'antimafia" al bar del centro

  • Ristoratori egiziani donano l'incasso all'ospedale di Lecco: «Il nostro grazie alla vostra sanità»

  • Trovato un cadavere nell'Adda: si teme sia quello di Nicola Scieghi

Torna su
LeccoToday è in caricamento