Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Oggiono: gattini gettati in un cassonetto, li salvano i Vigili del fuoco

È accaduto nei pressi del cimitero. Fondamentale l'intervento di alcuni cittadini che hanno udito il lamento disperato dei cuccioli. Il sindaco: «Assurdo che accada nel 2018»

 

Un gesto vergognoso, disumano, senza pietà. Gattini buttati come abiti dismessi in un cassonetto, dove sarebbero morti se alcuni cittadini non avessero udito i loro lamenti disperati.

Lo sconcertante episodio è accaduto a Oggiono, nei pressi dell'ingresso del cimitero. Sono stati proprio gli oggionesi a contattare i Vigili del fuoco per recuperare gli animali, intrappolati in un sacchetto all'interno di un cassone di quelli utilizzati dalle associazioni per la raccolta degli abiti usati.

I pompieri hanno tratto in salvo, aprendo il cassone, due cuccioli nati da poco tempo, che altrimenti non avrebbero avuto scampo. Sulla natura dolosa dell'episodio non sussistono dubbi: impossibile per i gattini finire all'interno del cassone senza la mano dell'uomo. Per fortuna gli animali stanno bene e sono stati affidati a una donna residente in paese.

Donna accusata di essere la killer dei gatti

Ad assistere al salvataggio, attoniti, diversi oggionesi - anche per via della partecipata festa patronale - come raccontato in un post sul gruppo Facebook "Sei di Oggiono se" (e in un video di cui mostriamo un estratto).

«Da quando sono sindaco, per fortuna, è la prima volta che un episodio simile accade in paese - è il commento amareggiato del sindaco Roberto Ferrari - Si pensava che queste cose nel 2018 non capitassero più, anche perché ci sono moltissime associazioni che possono prendersi cura di questi animali. Sottolineo l'assoluta stupidità delle persone che hanno compiuto questo gesto, proprio perché esistono molti modi di affidare ad altri i propri animali quando non si ha la possibilità di accudirli».

Qualcuno ha invocato l'utilizzo delle telecamere per incastrare i vili responsabili dell'accaduto. «Temo che non sarà possibile - prosegue il primo cittadino - perché non puntano quella zona ma l'ingresso del quartiere del Bachelet».

L'unica soluzione è dunque affidarsi al buon senso e alla coscienza dei cittadini, affinché questi episodi non accadano più, e invitare chiunque a segnalare alle forze dell'ordine e alla Polizia locale eventuali casi di maltrattamento, violenza e abbandono di animali.

Potrebbe Interessarti

Torna su
LeccoToday è in caricamento