Cronaca

Gatto avvelenato, rabbia e preoccupazione tra i residenti: «Atto vile e crudele»

L'episodio è avvenuto in via Resegone nel piccolo comune della valle San Martino: «Qualcuno ha deciso di eliminare i felini della zona, abbiamo paura per i nostri»

Un gatto ucciso da un boccone avvelenato: rabbia e preoccupazione tra i residenti di Erve. Dopo i casi registrati in altri comuni del Lecchese, questa volta il vile gesto è stato compiuto ai danni di un felino di colore nero che era solito aggirarsi in via Resegone nel piccolo Comune della Valle San Martino.

Allarme animali avvelenati: cagnolino ucciso a Galbiate

«Era una bellissima gatta, anche se randagia non dava fastidio a nessuno, era stata sterilizzata e c’erano alcune volontarie che si prendevano cura di lei - racconta una residente della zona che ha segnalato l’episodio sul gruppo face book “Sei di Erve se…” raccogliendo la condanna per l’accaduto da parte di tante persone - L’abbiamo trovata morente e l’abbiamo portata subito dal veterinario, ma purtroppo non c’è stato più nulla da fare. Abbiamo verificato che è stata avvelenata. Non ho parole, un fatto grave. Qualcuno sembra aver deciso di eliminare i gatti della zona. Sia io che altre persone abbiamo un micio, e quindi adesso abbiamo paura. Speriamo non accada più e che anche a seguito di queste segnalazioni pubbliche il colpevole la smetta». E proprio sui social c’è chi ha commentato: «Avvelenare animali è un reato, oltre che un atto vile, crudele e vergognoso».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gatto avvelenato, rabbia e preoccupazione tra i residenti: «Atto vile e crudele»

LeccoToday è in caricamento