menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Asst Lecco, il reparto di ostetricia di Merate contro la violenza sulle donne

Il 25 novembre, in occasione della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, le scarpette rosse divenute simbolo dell’energia delle donne e della volontà di opporsi ai maltrattamenti, faranno il loro ingresso anche nella hall dell’ospedale San Leopoldo Mandic di Merate

Da sempre la figura dell’ostetrica svolge un ruolo fondamentale nel sostegno alla donna in gravidanza. Per ribadire la propria vicinanza e il proprio supporto alla figura femminile, il 25 novembre, in occasione della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, gli “Zapatos Rojos”, ossia le scarpette rosse divenute simbolo dell’energia vitale delle donne e della volontà di opporsi ai maltrattamenti, faranno il loro ingresso anche nella hall dell’ospedale San Leopoldo Mandic di Merate, dove proprio il personale del reparto di Ostetricia sarà presente dalle ore 9 alle ore 17 con un banchetto al quale sarà possibile reperire informazioni sulla propria attività.

“Il 25 novembre anche noi vogliamo dire basta ai femminicidi, basta alle violenze sulle donne” – ha detto la caposala del U.O. Ostetricia e Ginecologia del Presidio ospedaliero di Merate, Katia Pozzari. “Sarà quella un’importante occasione di scambio e di dialogo, nonché un modo per rinsaldare il legame con quelle donne che abbiamo avuto modo di conoscere in reparto e per raccontare a chiunque fosse interessato le attività che caratterizzano il nostro lavoro”.

Tra queste ultime, nello specifico, rientrano: affiancamento alla donna per visite ostetriche mensili in ambulatorio e programmazione esami ed ecografie; accompagnamento nel corso di educazione alla nascita attraverso 10 incontri (da sola o con il proprio partner) per conoscere e conoscersi, muoversi, visualizzare e respirare; assistenza one-to-one durante il travaglio (Rilassamento con l’elemento acqua e l’elemento musica; aromaterapia; controllo farmacologico del dolore); infine sostegno nei primi giorni da mamma attraverso Rooming in, supporto nell’allattamento e nelle prime cure del neonato.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Cosa si può fare in zona arancione: le nuove regole spiegate

social

"Lol chi ride è fuori": il programma è già diventato un tormentone

Attualità

Al via in Lombardia treni solo per passeggeri "Covid tested"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento