menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Carabiniere fuori servizio riconosce il latitante al cinema, lo insegue e lo arresta

Il militare era uscito con la fidanzata, quando si è trovato davanti il malvivente

Era riuscito a sfuggire ai carabinieri la sera dello scorso 11 dicembre quando, dopo un furto in appartamento compiuto assieme a un complice, aveva abbandonato l'auto per scappare a piedi, durante un inseguimento a folle velocità fra Merate e Osnago.

La latitanza di Nikola Stevic, che durava da 5 anni, è finita la sera di ieri 5 marzo, fuori da un cinema di Bellinzago Lombardo (Mi): un carabiniere fuori servizio, uscito dal cinema con la fidanzata, ha riconosciuto il malvivente ed è riuscito ad arrestarlo dopo un inseguimento a piedi e la colluttazione seguita alla cattura, aiutato dalle guardie in servizio alla multisala e ai colleghi di Cassano d'Adda e Vimercate, intervenuti in supporto.

Mentre il giovane militare veniva medicato all'ospedale di Vimercate, i carabinieri hanno scoperto, grazie alle procedure di fotosegnalamento, che Stevic, 30 anni, domiciliato nel campo rom di Cavenago Brianza, risultava latitante già dal 2010, anno in cui il Tribunale di Firenze lo aveva condannato a 3 anni e 8 mesi per un grave incidente in cui aveva provocato il ferimento di tre persone.

Una vera e propria "allergia" ai controlli delle forze dell'ordine quella del giovane serbo, che anche nella serata di lunedì si era reso protagonista di un inseguimento a folle velocità lungo la provinciale fra Agrate Brianza e Concorezzo (Mb).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Cosa si può fare in zona arancione: le nuove regole spiegate

Attualità

Al via in Lombardia treni solo per passeggeri "Covid tested"

social

"Lol chi ride è fuori": il programma è già diventato un tormentone

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento