rotate-mobile
Cronaca Malgrate / Via Provinciale

Malgrate, ricostruita la dinamica dell'incidente costato la vita a Zoran Dimov

L'auto guidata dal nipote di ventidue anni sarebbe sbandata a destra, prima del testacoda e dello schianto fatale. Ile Dimov nel pomeriggio di ieri 30 ottobre è stato operato per le ferite gravi.

La Mitsubishi Evo con a bordo Ile e Zoran Dimov, 22 e 47 anni, entrambi residenti nel rione lecchese di San Giovanni, avrebbe prima sbandato a destra, colpendo il muro di un edificio sul ciglio della della ex Statale 36, per poi compiere il testacoda e schiantarsi contro il guardrail al centro della carreggiata.


L'impatto ha devastato il lato sinistro dell'auto con targa bulgara, centrando in pieno il passeggero: la vettura, non prodotta per il mercato italiano, aveva infatti la guida a destra. Zoran Dimov, seduto da quel lato, non ha avuto scampo ed è deceduto sul colpo.


Questa la ricostruzione della dinamica dell'incidente violentissimo avvenuto ieri 30 ottobre intorno alle 11.30 a Malgrate, nel quale ha perso la vita il 47enne, zio del conducente. Dai rilevamenti sembrerebbe che il 22enne stesse viaggiando a una velocità vicina ai 200 chilometri orari.


Ricoverato in codice rosso dopo lo schianto, Ile Dimov è stato sottoposto a un intervento chirurgico nel pomeriggio di ieri e le sue condizioni, tuttora critiche, sono tenute sotto osservazione al reparto di neurorianimazione dell'ospedale Manzoni, in prognosi riservata.


Solo il caso ha evitato che l'incidente costato la vita a un uomo non si trasformasse in una strage: a pochi metri dall'edificio contro il quale si è inizialmente schiantata la Mitsubishi, sul marciapiede, si trovava una decina di alunni della scuola primaria di Malgrate, appena usciti da un parchetto del paese.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Malgrate, ricostruita la dinamica dell'incidente costato la vita a Zoran Dimov

LeccoToday è in caricamento