menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

NewBorn Monitoring: prima esperienza al mondo di monitoraggio indossabile per neonati

A Lecco il Politecnico di Milano testa il sistema NewBorn Monitoring tramite indumenti sensorizzati

Oggi, martedì 8 aprile 2014, con l’istallazione presso l’Ospedale Manzoni di Lecco del primo sistema al mondo di monitoraggio per neonati tramite una tutina sensorizzata, giungerà al termine un proficuo percorso di studio e ricerca che vede coinvolto il Politecnico di Milano, l’Azienda Ospedaliera di Lecco, la società Spin Off ComfTech insieme alle aziende Beta80  e AbAcus.

Questo importante traguardo è un esempio di perfetta sinergia tra la ricerca universitaria, un’esigenza concreta, in questo caso clinica, e la spinta imprenditoriale di realtà aziendali che nascono da idee innovative germogliate all’interno dei laboratori del Politecnico.

Attorno a un’idea forte si è creato un team multidisciplinare di ricercatori, medici, designer e tecnici che hanno seguito tutto il processo, dalla ricerca in laboratorio, al brevetto, al successivo sviluppo imprenditoriale fino alla fase finale di test in attesa di certificazione medica.

Articolazione e scopo dello studio
Lo studio clinico del progetto NBM - NewBorn Monitoring, che durerà circa 9 mesi tra reclutamento pazienti, acquisizione e analisi dati, reporting e stesura finale dei contributi scientifici, prevede il monitoraggio di 30 neonati nelle prime 2 ore di vita.
Il quadro clinico del nascituro è estremamente complesso e necessita di assistenza continua, per questo motivo si è sviluppato un sistema indossabile di monitoraggio non invasivo che consenta un costante controllo senza ostacolare il contatto madre-neonato, in perfetta linea con le indicazioni dell’autorità sanitaria con i genitori.

Il tema del monitoraggio clinico del neonato nell’immediato post-parto è una fase di fondamentale importanza per la sua salute e, sebbene previsto dalle procedure cliniche, oggi non viene effettuato, preferendo assicurare il contatto materno e limitando di conseguenza il controllo alla sola ricognizione visiva da parte del personale sanitario.
La scelta obbligata tra l’una e l’altra opzione è dovuta all’attuale assenza di tecnologie biomediche che consentano il contatto fisico e la rilevazione dei parametri vitali nel medesimo momento.

NBM, tramite un indumento che copre solo la parte superiore del corpo del neonato, come se fosse un minuscolo copri spalle, concilia il monitoraggio continuo con il bonding materno aumentando la sicurezza, il comfort e l’efficienza organizzativa.

Output del progetto è la realizzazione di una piattaforma per il monitoraggio dei neonati tramite Sistemi Biomedicali Indossabili che recepisca parametri biomedici e fisici per mezzo di un sensore tessile assolutamente confortevole e di facile manutenzione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Cosa si può fare in zona arancione: le nuove regole spiegate

Attualità

Al via in Lombardia treni solo per passeggeri "Covid tested"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento