menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Roberto Guzzetti

Roberto Guzzetti

Omicidio di Torre de' Busi: in manette Roberto Guzzetti

«Un plauso ai militari, che hanno collaborato alla risoluzione di un mistero dai connotati di enorme difficoltà», il commento del Procuratore della Repubblica

È stato tradito dalle impronte digitali, Roberto Guzzetti, 59 anni di Lecco, il presunto omicida di Maria Adeodata Losa, barbaramente uccisa - giovedì 9 giugno - a Sogno, frazione di Torre de' Busi.

I carabinieri hanno arrestato il Guzzetti nella notte, spiega il Sostituto Procuratore, dottor Paolo Del Grosso, poi - in mattinata - il GIP del Tribunale di Lecco ha convalidato il fermo.

«Dopo il ritrovamento, in data 11 giugno, sono iniziate indagini molto celeri, che non hanno trascurato alcuna pista, e che si sono concentrate su personaggi di interesse investigativo, tra i quali Roberto Guzzetti», ricostruisce Del Grosso.

I militari, poi, anche sulla base di alcune dichiarazioni dei familiari della Losa (piccoli dissidi di vicinato), lo hanno convocato in qualità di persona informata sui fatti. «Guzzatti - prosegue Del Grosso - ha detto di non essersi mai recato nell'abitazione delle sorella Losa ed ha fornito, spontaneamente, le impronte digitali, subito trasmesse ai RIS di Parma».

La scientifica - in tempo reale - ne ha dato responso significativo ed univoco con le impronte rilevate nelle macchie di sangue, appartenenti alla vittima, rinvenute sulla tovaglia cerata della cucina, luogo del delitto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La nuova truffa corre su WhatsApp: casi anche nel Lecchese

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento