«Le persone che buttano soldi nel gioco non avranno più aiuti economici dal Comune»

Dura presa di posizione del sindaco di Pescate De Capitani: «Sono stanco di vedere cittadini che pur seguiti dai nostri servizi sociali sperperano interi stipendi e pensioni. Da noi non vedranno più denaro»

«Sono stanco di vedere persone di Pescate che pur seguite dai nostri servizi sociali sperperano interi stipendi e pensioni al lotto o ai vari gratta e vinci e lotterie istantanee. Almeno vadano a giocare fuori paese e non si facciano vedere da me».

L'ultima battaglia di Dante De Capitani, sindaco del comune pescatese, è contro il gioco d'azzardo, che può portare a gravi conseguenze psicologiche e sociali. E avere ripercussioni anche sulle amministrazioni comunali, in termini economici e di "fiducia" nei confronti del cittadino assistito. «Non è possibile che persone in difficoltà economiche sperperino al gioco tutti quei soldi, anche duecento euro a volta come se fosse la cosa più normale del mondo, e poi si rivolgano al Comune perche non hanno da mangiare o sono in difficoltà economiche - spiega De Capitani - Da adesso in avanti chi gioca cifre spropositate eviti poi di rivolgersi al Comune perche noi non daremo un euro a chi butta i soldi in questo modo».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Rifiuti abbandonati sulla SS36, De Capitani difende Anas e critica i sindaci

Una posizione forte, quella del sindaco, che prima di tutto ha motivazioni etiche. «È immorale e vergognoso buttare i soldi così e il primo a doversi vergognare è lo Stato che non pone limiti a questo scandalo che rovina le persone - prosegue - Già non è una bella cosa vedere casalinghe e pensionati assemblati ai banconi degli esercizi commerciali, fissati agli schermi dei numeri nella speranza di vincere, ma non è quello il punto. Il punto è rovinare se stesso e la propria famiglia per il vizio del gioco e poi chiedere sostegno al Comune e quindi a tutti gli altri cittadini. Da adesso in avanti chi gioca in questo modo non avrà più nessun sostegno che non sia un piatto di minestra o aiuti in natura perche dar loro soldi significherebbe buttarli nel gioco. La cosa positiva è che Pescate figura agli ultimi posti nel gioco d'azzardo della Provincia (giocata pro capite nel 2017 pari a 517 euro annui, ndr) ma non per questo ci sediamo sugli allori e continueremo il nostro contrasto in tutti i modi a questa piaga sociale».

Slot machine: quanto si gioca nel Lecchese

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni Comunali di Lecco: si va al ballottaggio, a inizio ottobre il nuovo sindaco della città

  • Elezioni, Amministrative di Lecco: iniziato lo spoglio. Exit poll: Ciresa tra il 49 e il 53%

  • Omicidio di Olginate: dopo otto giorni, Stefano Valsecchi si è costituito

  • Entrano in una scuola, interrompono la lezione e sbeffeggiano l'insegnante: denunciati due diciottenni

  • Elezioni Comunali di Mandello: Riccardo Fasoli si conferma sindaco

  • Giornata flagellata dal maltempo: una quarantina di interventi nel territorio

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccoToday è in caricamento