Mercoledì, 23 Giugno 2021
Cronaca Via Galileo Galilei

Lecco, il piedibus del rione Bonacina "sfrattato" dai residenti

A causa di episodi di intolleranza verificatisi nei confronti dei bambini, il punto di ritrovo viene spostato da via Galilei alla chiesa del Sacro cuore

Il punto di raccolta dei bambini iscritti al piedibus di Bonacina

La fermata del piedibus dà fastidio ai residenti: per questo il capolinea della linea Galilei, diretta alla scuola primaria Fabio Filzi del rione lecchese di Bonacina, sarà spostato dal parcheggio della via omonima alla chiesa del rione.

La comunicazione è arrivata oggi 16 aprile ai genitori dei piccoli iscritti, «su richiesta - si legge nell'avviso inviato dalla Segreteria Piedibus - delle accompagnatrici, che hanno riferito di episodi di intolleranza nei confronti dei bambini da parte di alcuni residenti del condominio vicino».

A dare fastidio ai residenti sarebbero i bambini che, ogni mattina tra le 7.55 e le 8.10, giocano, scherzano e gridano, che "fanno i bambini" insomma, in attesa di partire verso la scuola. «Siamo veramente dispiaciuti di questa situazione - si legge ancora nell'avviso diramato ai genitori - e assicuriamo che il cambiamento si manterrà fino alla fine di questo anno scolastico, per poi analizzare meglio la situazione».

«È assurdo - commenta un papà - già per noi è difficoltoso accompagnare i bambini a scuola in auto, essendo via Piloni (su cui la scuola si affaccia, ndr) piuttosto stretta per poter parcheggiare e fare manovre senza creare problemi alle altre auto. Inoltre si tratta di una strada dai marciapiedi anche piuttosto stretti, che spesso costringe i nostri figli a scendere sulla sede stradale per evitare gli escrementi dei cani. Se già questi disagi ci sono e dobbiamo farcene una ragione, è pazzesco che, per quei dieci minuti necessari a riunire i bambini, la gente che abita nel condominio accanto sia intollerante al punto da arrivare praticamente allo sfratto».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lecco, il piedibus del rione Bonacina "sfrattato" dai residenti

LeccoToday è in caricamento