menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ponte di Paderno, a Roma si discute un progetto di restauro

Rfi sta elaborando un piano di ammodernamento da venticinque milioni di euro per la struttura di fine Ottocento

Un progetto per la riqualificazione del ponte di Paderno: è stato questo il tema centrale dell'incontro che si è tenuto oggi 17 dicembre a Roma, presso la sede di Rfi.

Presenti, oltre ai parlamentari lecchesi Gian Mario Fragomeli e Veronica Tentori, che già nei giorni scorsi avevano avuto un incontro con la società, anche alcuni parlamentari della provincia di Bergamo, il Sindaco di Paderno d’Adda Renzo Rotta, i rappresentanti di Ministero delle Infrastrutture, Regione Lombardia, Provincia di Lecco, Provincia di Bergamo e Rfi Rete Ferroviaria Italiana.

La società, tramite l'amministratore delegato Maurizio Gentile, ha spiegato che è in fase ormai avanzata un progetto per la "riqualificazione funzionale e conservativa dell’importante ponte a scavalco sull'Adda sul quale si trovano la linea ferroviaria Seregno-Bergamo e la strada provinciale di collegamento tra le province di Lecco e Bergamo".

Si tratta di un ammodernamento che da un lato riporterebbe in condizioni ottimali la struttura, permettendo così ai treni di raggiungere la velocità massima cui possono arrivare gli impianti attuali, e dall'altro rimetterebbe in sicurezza la carreggiata destinata alle auto, intervenendo anche sui passaggi destinati ai pedoni. 

Costo totale dell'intervento, che durerebbe 3 anni e comprenderebbe anche il restauro del ponte, 25 milioni di euro: Gentile, durante l'incontro, ha auspicato che il progetto si possa finanziare con un accordo di programma tra Rfi e Ministero delle infrastrutture.

«Si tratta del giusto connubio tra la conservazione del bene monumentale  e la sua funzionalità» ha commentato l'onorevole Tentori, che nell'intervento vede anche una possibilità per valorizzare l'area dal punto di vista turistico. «L'azione avviata alcuni mesi fa ha già portato a risultati importanti per il territorio - le ha fatto eco il collega Fragomeli - a tal fine confermo l'impegno di attivarsi affinché le risorse necessarie ad attuare l'intervento siano rese disponibili già dal prossimo contratto di programma previsto per il 2017 tra Rfi e Ministero delle Infrastrutture»

«L’accordo raggiunto - sottolineano il Presidente della Provincia di Lecco Flavio Polano e il Consigliere provinciale delegato ai Lavori Pubblici, Viabilità e Grandi Infrastrutture Rocco Cardamone - garantirà nel medio termine il miglioramento estetico e funzionale dell'importante ponte di Paderno, che costituisce un elemento fortemente caratterizzate del territorio provinciale e rappresenta un’importante connessione su gomma e su ferro tra le province di Lecco e Bergamo. Ringraziamo tutti gli interlocutori per aver trovato una soluzione progettuale e finanziaria condivisa».

«Esprimo grande soddisfazione - evidenzia il Sindaco di Paderno D'Adda Renzo Rotta -per l'importante risultato raggiunto che consentirà il ripristino funzionale e monumentale della struttura e della connessione pedonale e ferroviaria senza pregiudicare l'efficienza del collegamento viario con miglioramenti sulla qualità della vita dei cittadini. Un sentito ringraziamento agli onorevoli Fragomeli e Tentori per l'impegno profuso su questo tema».

Anche il Sottosegretario di Regione Lombardia Daniele Nava è stato interpellato sull'argomento, e da lui è arrivata la disponibilità ad approfondire la questione in sede regionale e a lavorare insieme agli altri enti coinvolti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Le cinque camminate per boschi e monti più belle nel Lecchese

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento