menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Silea, Colombo: "Nell'inceneritore solo rifiuti lecchesi o di province limitrofe"

Lo prevede il Piano industriale. L'impegno per la differenziazione della raccolta e il monitoraggio delle emissioni a garanzia della salute dei cittadini.

“Ritengo assolutamente infondato, oltre che fuorviante, l’allarmismo registrato sulla possibilità che, a seguito di quanto previsto dal decreto “Sblocca-Italia” in tema di deroga da parte del Governo ai piani regionali e provinciali in materia di rifiuti, arrivino rifiuti da tutta Italia al termovalorizzatore di Valmadrera, di proprietà di SILEA SpA”: ad affermarlo è Mauro Colombo, amministratore unico di SILEA SpA.

“Al momento, voglio ricordare, l’impianto di Valmadrera dispone di un’autorizzazione per il trattamento dei rifiuti non riciclabili che è totalmente saturata dall’attuale raccolta, proveniente dai comuni della provincia di Lecco. – continua Colombo – È vero che siamo in attesa, da parte di Regione Lombardia, che venga formalizzato quanto definito a seguito della Conferenza di servizio del 31 luglio, che ci permetterà di utilizzare la massima capacità termica del termovalorizzatore di Valmadrera. Ma il piano industriale a cui stiamo lavorando si fonda sulla possibilità che, a seguito di questa autorizzazione, SILEA vada a dare risposte solo ai rifiuti non riciclabili prodotti sempre in ambito del territorio della provincia di Lecco o di quelle immediatamente limitrofe in ambito regionale”.

“Questa discussione – afferma ancora Colombo – fa emergere una volta di più la avvedutezza degli amministratori lecchesi, che hanno saputo dotare la nostra provincia, diversamente da altri contesti territoriali, di una struttura che ci rende autonomi nella gestione e nel trattamento dei rifiuti, cui si è accompagnato un forte impegno da parte di SILEA alla diffusione in questi anni di una cultura della differenziazione nella raccolta che ci ha permesso di passare dal 20% del 1995 all’attuale 60,3% di rifiuti gestiti in modo differenziato.” “Per quanto riguarda le preoccupazioni in tema di salute dei cittadini – conclude l’amministratore unico di SILEA SpA – voglio rassicurare tutti i cittadini sull’attenzione che SILEA pone a questo aspetto, attraverso sia un miglioramento tecnologico costante dell’impianto, sia un monitoraggio continuo delle emissioni in atmosfera, che risultano ampiamente inferiori ai limiti di Legge per ciò che riguarda la concentrazione degli inquinanti considerati. Chi verrà al prossimo open day del 27 settembre potrà rendersene conto di persona”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Verso il nuovo Dpcm del governo Draghi: ecco cosa cambierà

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento