menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La bicicletta rubata al lecchese

La bicicletta rubata al lecchese

«Compro la sua bici come regalo per mio figlio malato»: è una truffa, derubato lecchese

La vittima: «Raggirato da un uomo e da un ragazzino distinti. All'appuntamento il giovane ha voluto provare la due ruote, poi è scappato». Si tratta della dilagante "truffa della bici"

Lecchese vittima della sempre più frequente "truffa della bici" vede sottrarsi un mezzo del valore di quasi 4.000 euro e mette in guardia tramite i social network: «Diffidate da queste persone».

L'episodio è avvenuto lunedì in zona Bresso-Cormano. A raccontarlo è P.S., commerciante e istruttore sportivo (tra l'altro di discipline estreme legate al mondo del ciclismo) di Abbadia Lariana.

«Avevo messo in vendita la bici perché intenzionato a prenderne una nuova nel 2019 - ricostruisce l'accaduto - All'annuncio mi ha risposto un uomo cortesissimo, che mi ha raccontato una storia molto commovente, evidentemente per non destare sospetti e far sì che io abboccassi».

Il copione, come si può facilmente apprendere sul web, è sempre lo stesso, e suona all'incirca così: «Sto cercando una bici per fare un regalo a mio figlio, è molto malato e ha appena concluso un ciclo di chemioterapia. Mi serve urgentemente per il suo compleanno. Purtroppo attualmente sono in giro con una Smart e non posso trasportarla, se lei potesse portarla domani al parco non tratterei nemmeno sul prezzo».

Truffa: sottrae 170mila euro a malati psichici

P.S. ha accettato, in buona fede, e ha caricato la bicicletta sulla propria auto presentandosi all'appuntamento. Ed è qui che la truffa si è consumata. «Un uomo distinto, senza alcuna inflessione dialettale, con un ragazzino di circa 13 anni anche lui molto educato - spiega - L'uomo si è defilato subito dicendo che aveva un impegno e sarebbe tornato a breve, mentre il presunto figlio provava la bicicletta restando in zona nel parco. Dopo qualche minuto, però, si è allontanato con uno scatto degno di Sagan ed è sparito con la mia bici».

Solo a quel punto il lecchese ha capito di essere stato truffato, e ha così contattato i Carabinieri per denunciare il furto della due ruote. «Purtroppo queste persone ti prendono in contropiede, ho scoperto solo dopo dell'esistenza di molti altri casi e di vittime del mio stesso raggiro. Solo in quel parco di Cormano ne sono avvenute diverse, è un modus operandi ormai collaudato. Sono dispiaciuto, la bici valeva 3.800 euro e l'avrei rivenduta per 2.000, ma soprattutto perché queste persone non si fanno alcuno scrupolo, coinvolgendo minori e cercando di impietosirti con finte storie drammatiche. A tutti quelli che hanno intenzione di vendere biciclette o altri oggetti dico fate attenzione: se la dinamica vi sembra simile, non date loro corda. Potrebbe essere l'ennesimo tentativo di "truffa della bici"».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Le 10 meraviglie architettoniche da scoprire nel Lecchese

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento