Gilardoni Spa, un socio unico per il leader italiano dei raggi X

L’intero capitale è stato acquisito dalla Gilma spa, già azionista di maggioranza. L'azienda di Mandello ha di recente realizzato due innovativi impianti di sanificazione contro virus e batteri

L’intero capitale della storica Gilardoni spa è stato acquisito dalla Gilma spa. Già azionista di maggioranza, Gilma diventa così socio unico della Gilardoni, numero uno in Italia e tra i principali produttori mondiali di apparati a raggi X e di sistemi a ultrasuoni destinati alla sicurezza, al settore medicale e ai cosiddetti controlli non distruttivi.

Dalla Gilardoni Raggi X apparecchiature mediche per lpospedale degli alpini di Bergamo

«Questa operazione consente  un significativo rafforzamento della governance aziendale e il conseguente consolidamento del percorso di innovazione industriale già avviato nel corso degli ultimi anni» ha dichiarato il presidente Marco Gilardoni, nipote del fondatore, che continua a guidare l’azienda confermando la volontà di proseguire nel percorso di crescita e internazionalizzazione della società.

Storia e numeri dell'azienda

La Gilardoni spa è stata fondata nel 1947 dal Ingegner Arturo Gilardoni, fisico pioniere dei raggi X. La sede, gli stabilimenti e i laboratori di ricerca si trovano a Mandello del Lario. 73 anni di storia, 220 addetti di cui  44 ricercatori e un fatturato 2019 che sfiora i 32 Milioni di Euro e una previsione malgrado la pandemia Covid 19 di un mantenimento di questi livelli per il 2020, la Gilardoni ricerca e produce tecnologie d’avanguardia, unica al mondo attiva nei tre settori dei raggi X: medicale, industriale e sicurezza. Dalla scansione delle persone allo screening dei bagagli, dalle soluzioni per il cargo alla rilevazione di esplosivi nascosti, è leader nel nostro Paese dei controlli aeroportuali, punto di riferimento per la gran parte degli scali italiani e per oltre la metà di quelli nel resto d’Europa.

Dalle macchine a ultrasuoni per treni ad alta velocità, alla radiodiagnostica di ultima generazione

È tra i principali produttori globali di macchine a ultrasuoni per il controllo dei treni ad alta velocità ed è una società considerata strategica dai ministeri della Difesa di molti Stati. Sul fronte medicale, oltre alla progettazione e produzione di radiodiagnostica di ultimissima generazione, la Gilardoni ha di recente creato una nuova divisione Sicurezza e prevenzione epidemiologica, che in pochi mesi ha già realizzato due linee di prodotto altamente innovative: i sistemi Breva e Ozygil.

Lo scalo di Linate ha già adottato "Breva" per la sterilizzazione delle vaschette dove passano i bagagli

Breva (nella foto sopra) è un rivoluzionario sistema touchless di gestione dei bagagli a mano integralmente automatizzato, che consente la sterilizzazione delle vaschette utilizzate negli aeroporti tramite l’impiego della tecnologia UV-C. Lo scalo milanese di Linate l’ha già adottato e messo in funzione. Ozygil (nella foto sotto) è invece un sistema a nastro che, attraverso una nebbia secca a base di ozono, consente la sanificazione di superfici e oggetti contro virus, coronavirus e batteri. L’efficacia di questo innovativo prodotto è stata scientificamente testata  in collaborazione con l’Istituto Universitario San Raffaele di Milano, che ne ha attestato una capacità di abbattimento della carica virale e batterica pari al 99,99 per cento.

Axpo Italia e Carcano: un accordo che vale il 100% di energia da fonti rinnovabili

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia nel Comando della Polizia Locale: colpo di pistola, muore un giovane agente

  • Tragedia a Valgreghentino: giovane giardiniere muore travolto da un escavatore

  • Emergenza Covid: a San Girolamo chiese chiuse e Padri Somaschi in quarantena

  • Oggi a Villa San Carlo i funerali Ugo Gilardi, «Un ragazzo d'oro»

  • Le regole per Natale 2020: cosa succede con gli spostamenti tra regioni, il coprifuoco e il cenone

  • Regione Lombardia, Fontana conferma: «Da domenica saremo in "zona arancione". No al "liberi tutti"»

Torna su
LeccoToday è in caricamento