A spasso su Marte

C’è vita nell’Universo? Ma soprattutto, può essere quella che conosciamo sulla Terra? L’astrobiologia cerca di rispondere a queste domande mettendo insieme competenze appartenenti a diverse discipline. Se gli astronomi hanno gli strumenti adatti per guardare lontano, è necessario avere anche le competenze dei biologi e dei chimici per capire se quello che viene osservato possa essere un segno di vita extraterrestre presente o passata. Ma come possiamo distinguere una forma di vita aliena? Marte potrebbe darci la risposta giusta. Un tempo infatti era un pianeta molto simile alla Terra, con oceani e continenti: un ambiente ideale perché la vita possa essersi sviluppata. Si parlerà della missione NASA Perseverance che da qualche settimana sta muovendo i primi passi sul pianeta rosso con il compito di raccogliere campioni marziani e condurre analisi che ci aiuteranno a capire se la vita possa esistere altrove nel nostro Universo.

Link per partecipare: https://us02web.zoom.us/j/7945306932?pwd=RTd4U3lvUGlmS0kzOUZja2xaSkNMdz09

In streaming all’indirizzo: https://www.facebook.com/laseminaofficial

John Robert Brucato

John Robert Brucato è Primo Ricercatore presso l’INAF Osservatorio Astrofisico di Arcetri a Firenze e docente del corso di Astrobiologia presso il Dipartimento di Fisica e Astronomia dell’Università di Firenze. Si occupa di astrobiologia ovvero della ricerca di segni di vita nel Sistema Solare e dello studio di materiale extraterrestre. È responsabile del laboratorio di astrobiologia dell’Osservatorio di Arcetri dove si studiano le interazioni chimico-fisiche di superfici minerali con biomolecole in condizioni spaziali simulate. È coinvolto nella missione NASA OSIRIS-REx per la raccolta e il rientro a Terra di campioni primitivi ricchi di carbonio dall’asteroide 1999 RQ36 Bennu, nella missione ESA ExoMars e nella missione Mars2020 – Perseverance della NASA per la ricerca di segni di vita su Marte. È coordinatore della missione AstroBio-CubeSat che verrà lanciata da ESA nel 2021, in cui si utilizzeranno nuove tecnologie per cercare la vita nello spazio. Si occupa di Planetary Protection per le missioni su Marte e sulle lune ghiacciate di Giove e Saturno, ovvero di come tutelare la Terra e i corpi del sistema solare dalla contaminazione da microorganismi trasportati dalle missioni spaziali.

John Robert Brucato-2

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Incontri, potrebbe interessarti

  • Incontri aperti per il futuro di Galbiate

    • Gratis
    • dal 13 aprile al 18 maggio 2021
    • Incontri online
  • Monti Sorgenti 2021

    • dal 29 aprile al 10 giugno 2021
    • Varie

I più visti

  • Capolavoro per Lecco

    • dal 5 dicembre 2020 al 4 luglio 2021
    • Palazzo delle Paure
  • Merateneo - Ciclo conferenze primavera 2021

    • Gratis
    • dal 19 febbraio al 14 maggio 2021
    • online
  • Villa Monastero: calendario mostre e iniziative culturali 2021

    • dal 10 marzo al 31 dicembre 2021
    • Villa Monastero
  • Giornate Fai di Primavera 2021

    • dal 15 al 16 maggio 2021
    • Rione di Maggianico
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    LeccoToday è in caricamento