menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I campi da gioco riaperti.

I campi da gioco riaperti.

Mandello, riaperto l'oratorio del Sacro Cuore

Riattivati alcuni spazi per i giovani dopo l'emergenza covid. Il vicario don Andrea: «Finalmente ci rivediamo, ma occorre mantenere sempre la dovuta prudenza»

«Ciao bella gente, finalmente ci siamo». Con questo parole don Andrea Mombelli, vicario della Comunità pastorale di Mandello del Lario, ha annunciato la riapertura dell’oratorio Sacro Cuore di via don Bosco. Da giovedì 1° ottobre infatti quelle porte chiuse per l’emergenza Covid-19 sono state riaperte per accogliere bambini e ragazzi e «per vivere con loro qualche momento d’incontro» come recita l’invito diramato dal sacerdote.

Il grazie della casa di riposo di Mandello ad Enrico e Angela: «Benefattori onorari»

Martedi e giovedi dalle ore 15 alle 17 e il sabato dalle 14.30 alle 17.30 i giorni e gli orari programmati «prevedendo per il momento solo l’utilizzo dei campi da gioco, e in caso di cattivo tempo l’oratorio resterà chiuso» precisa inoltre don Andrea ricordando la necessità di mantenere prudenza in una fase in cui l’emergenza non è ancora cessata. Don Mombelli, responsabile nella gestione di questi luoghi di aggregazione, ha quindi aggiunto: «Ovviamente la riapertura comporta una serie di accorgimenti e normative che siamo tenuti ad osservare». 

Il patto di responsabilità reciproca

I genitori dei minori che frequentano l’oratorio devono sottoscrivere il patto di responsabilità reciproca. Chi accede alla struttura è tenuto ad osservare le ormai assodate norme di sicurezza (mascherina, distanza interpersonale di almeno un metro, sanificazione mani, divieto di accesso per chi presenta sintomi influenzale o ha avuto contatti con Covid-19 positivi, evitare lo scambio di alimenti o bevande portando una borraccia personale...).

«Se poi, oltre ai bambini, vorrete passare anche voi genitori per un saluto… vi vediamo volentieri!. A breve vi manderò anche tutte le indicazioni per i cammini di catechesi». Se vorremo che questi spazi aggregativi ritornino ad essere tali senza nessun limite nei rapporti interpersonali, queste normative attendono il pieno rispetto unitamente alla dovuta attenzione. Oggi gli abbracci virtuali diverranno domani reali e fattibili se ognuno di noi saprà calarsi nella propria parte di singola responsabilità.

Si ringrazia Alberto Bottani per la collaborazione

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il futuro dell'ex "Larius"? Guarda a Oriente: a Lecco apre Nima

Attualità

I 10 luoghi simbolo di Lecco più amati dai visitatori

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento